UNIUD – Friulani delle idee, conferenza di Antonio Giusa

SarĂ  un viaggio tra le personalitĂ  del Friuli che tra il XIX e il XX secolo hanno lasciato un segno indelebile con invenzioni e progetti innovativi, la conferenza che Antonio Giusa, terrĂ  all’UniversitĂ  di Udine martedì 28 aprile, alle 17, nell’auditorium di palazzo Garzolini – di Toppo Wassermann (via Gemona 92). Una di queste prestigiose figure, il professor Pietro Enrico di Prampero, porterĂ  la sua testimonianza. “Friulani delle idee. Dieci anni di dialoghi con il mondo” è infatti il titolo della conferenza con cui Giusa propone una descrizione del popolo friulano attraverso esempi rappresentativi del territorio.

Grazie a un’attenta ricerca di fonti documentarie e iconografiche, che hanno dato luogo anche al volume “Friulani delle idee. Dieci dialoghi con il mondo”, Giusa presenterà le figure di undici inventori che con idee e prodotti ingegnosi hanno onorato il Friuli nel mondo. Si tratta di Arturo Malignani, Lino Zanussi, Remigio Solari, Andrea Galvani, Giovanni Antonio Santorini, Glauco Corbellini e Carlo Leopoldo Lualdi, Lisio Plozner, Harry Bertoia, Giandomenico Facchina e Pietro Enrico di Prampero.

L’incontro, introdotto dal delegato dell’ateneo alla cultura Angelo Vianello, è inserito nell’ambito di “Aperture. Idee, scienze e cultura”, rassegna organizzata da Università e Comune di Udine, col sostegno della Fondazione Crup.

Antonio Giusa è attualmente direttore dell’Azienda speciale Villa Manin, dopo essere stato coordinatore dell’Unità di gestione del catalogo del Centro di catalogazione e restauro. Dottore di ricerca in Storia, fino al 2014 ha insegnato Storia e tecnica della fotografia all’ateneo friulano. Ha al suo attivo più di cento pubblicazioni. Negli ultimi anni la sua ricerca si è focalizzata sulla memoria e le migrazioni, con l’utilizzo interdisciplinare della fotografia vernacolare, delle storie di vita e delle scritture autobiografiche.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
Francesca Abate, la collezione della giovane stilista catanese, nel segno della lotta all’Aids

Per il suo ingresso nel mondo della moda, Francesca Abate ha scelto di sostenere una giusta causa, quella della lotta...

Chiudi