UNIPI – Nasce a Pisa il Centro toscano sulla statistica avanzata per lo sviluppo equo e sostenibile

 presentazione del Centro interuniversitario di ricerca e servizi sulla statistica avanzata per lo sviluppo equo e sostenibile alla Gipsoteca di arte antica dell’Università di Pisa. Al tavolo dei relatori, da sinistra, Alessandra Petrucci, Monica Pratesi, Achille Lemmi, Massimo Augello e Alberto Tesi.

presentazione del Centro interuniversitario di ricerca e servizi sulla statistica avanzata per lo sviluppo equo e sostenibile alla Gipsoteca di arte antica dell’Università di Pisa. Al tavolo dei relatori, da sinistra, Alessandra Petrucci, Monica Pratesi, Achille Lemmi, Massimo Augello e Alberto Tesi.

È stato inaugurato il Centro interuniversitario di ricerca e servizi sulla statistica avanzata per lo sviluppo equo e sostenibile, risultato della collaborazione fra il dipartimento di Statistica, informatica e applicazioni dell’Università di Firenze, il dipartimento di Economia e management dell’Università di Pisa e quello di Economia politica e statistica dell’Università di Siena. Il Centro, che avrà sede a Pisa con la previsione di ruotare successivamente nelle altre città, è stato presentato venerdì 15 maggio 2015, alla Gipsoteca di arte antica, da Alberto Tesi e Massimo Augello, rispettivamente rettori delle Università di Firenze e Pisa, Achille Lemmi in rappresentanza dell’Ateneo senese, e dal presidente dell’ISTAT, Giorgio Alleva, che ha tenuto una relazione dal titolo “L’esperienza dell’ISTAT nella misurazione del benessere”.

Il Centro nasce dalla volontà della comunità scientifica toscana di approfondire e sviluppare una tematica che è – e sarà sempre più in futuro – di assoluta centralità istituzionale e politica. Lo sviluppo equo e sostenibile richiede infatti strumenti analitici in grado di trattare una realtà decisamente complessa, come quella collegata alla definizione di well-being secondo l’approccio del Premio Nobel, Amartya Sen. Questa supera e rende maggiormente realistico il concetto di benessere della dottrina economica tradizionale, collegata al principio di massimizzazione del reddito (o della spesa per consumi) per ottenere massimizzazione di benessere.

Su queste tematiche, nelle realtà accademiche toscane esiste un importante patrimonio di sperimentate conoscenze e di consolidati risultati di ricerca, formatosi in modo autonomo o in gruppi integrati di ricerca, spesso ancorati a finanziamenti di istituzioni pubbliche e private internazionali, sia locali che nazionali. Proprio per questo rilevante patrimonio comune, i promotori del Centro hanno voluto intitolare l’istituzione a uno dei più autorevoli studiosi dei temi della disuguaglianza e della distribuzione personale del reddito: il professore Camilo Dagum, che proprio nell’ambito scientifico toscano ha contribuito all’approfondimento e alla diffusione delle tematiche proprie del Centro stesso.

Il Centro interuniversitario di ricerca e servizi sulla statistica avanzata per lo sviluppo equo e sostenibile ha tra le sue finalità quelle di promuovere e favorire la cooperazione multidisciplinare nell’ambito della ricerca e dell’applicazione di metodi statistici avanzati, consolidati e/o alternativi, per la studio dello sviluppo equo e sostenibile, e di fornire una risposta specifica nell’ambito sopra indicato alla volontà espressa dalla Regione Toscana di sostenere la collaborazione fra università, l’integrazione fra sistema della ricerca e sistema produttivo. L’istituzione promuoverà inoltre ricerche applicate su temi che impegnino la sperimentazione di apporti multi e interdisciplinari; acquisirà incarichi di ricerca internazionali, nazionali, regionali e locali che permettano di verificare in modo incrementale gli avanzamenti scientifici della sperimentazione multidisciplinare, interdisciplinare e interateneo; organizzerà manifestazioni scientifiche nazionali e internazionali anche con il coinvolgimento di altri enti, istituzioni ed imprese; promuoverà, infine, accordi e convenzioni con centri e istituti di ricerca e sviluppo, con enti, Fondazioni e imprese, pubblici o privati, sia italiani che stranieri, operanti nei settori di interesse.

Il Consiglio scientifico è costituito dai professori Monica Pratesi, che è stata eletta come direttore, Simone D’Alessandro, Davide Fiaschi e Nicola Salvati per l’Università di Pisa; dai professori Marcello Galeotti, Laura Grassini, Filomena Maggino e Alessandra Petrucci per l’Università di Firenze; dai professori Gianni Betti, Giulio Ghellini, Laura Neri e Tiziano Razzolini per l’Università di Siena.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
UNIGE – Passo avanti sulla metformina e la sua attività antitumorale

I ricercatori dell’Università di Genova dei dipartimenti DiMI, DISSAL e DIMES hanno caratterizzato possibili meccanismi attraverso cui la metformina (il...

Chiudi