UNISS – Prima cerimona della “Laurea in piazza” all’Università di Sassari: un successo

Laurea in piazza Uniss 1Tutto secondo i piani, se possibile anche meglio: la prima edizione della “Laurea in piazza”, organizzata dall’Università di Sassari il 26 giugno, è stata un successo. Un momento di festa per l’Ateneo, la città e le famiglie, così come ci si augurava. Quasi 500 neodottori di tutti i corsi di laurea dell’Università di Sassari (sessione straordinaria 2013/2014) hanno risposto all’invito del Magnifico Rettore Massimo Carpinelli, e ieri pomeriggio si sono presentati in piazza d’Italia con parenti e amici per sfilare davanti a palazzo Sciuti, nel salotto buono, e ricevere la pergamena con i “tocchi” sulla testa. Li stessi tocchi che al termine della cerimonia, dopo la proclamazione dei dottori pronunciata dal Rettore, sono volati in alto tutt’intorno al monumento dedicato a Vittorio Emanuele II.

In apertura si è esibito il Coro dell’università di Sassari, diretto dal Maestro Laura Lambroni. Poi si sono succeduti il discorso del Rettore (in allegato) e il saluto del Sindaco Nicola Sanna. Massimo Carpinelli ha puntato sul valore dell’istruzione e, quindi, della laurea: se qualcuno ancora si chiede a cosa serva il “pezzo di carta”, in una società che monetizza tutto, la risposta è la libertà, l’emancipazione che solo lo studio e la cultura possono assicurare.

Poi sulla scena è comparsa Chiara Venditti: 22 anni, algherese, laureata in Giurisprudenza in tre anni a fronte di una durata legale di 5, è lei la studentessa più meritevole della sessione straordinaria 2013-2014. Il suo discorso (in allegato) ha messo in luce i meriti e le qualità di un Ateneo, quello di Sassari, che le ha fornito una preparazione non certo seconda a quella che possono vantare altri colleghi della Penisola. Chiara Venditti ha ricevuto dall’Ateneo un premio in denaro.

Subito dopo è partito l’appello, e uno a uno in ordine alfabetico, dipartimento per dipartimento, i neolaureati si sono avvicinati al palco per prendere la pergamena alla presenza del Senato accademico togato e dei direttori di dipartimento, con il sottofondo musical jazz dell’Open island quartet di Bitti.

Dopo la proclamazione e il lancio dei tocchi, senza dimenticare un allegro fuori programma dell’Associazione goliardica turritana, tutti davanti al maxischermo per la gloriosa e storica finale scudetto tra Reggiana e Dinamo e, infine, il concerto dei Train To Roots.

“Laurea in piazza” è un evento realizzato grazie alla collaborazione di diversi attori uniti dal comune interesse per la città: l’Università di Sassari, l’Amministrazione comunale e la Confcommercio. “Laurea in piazza” gode anche del contributo del Presidente del Consiglio Regionale, Fondazione Banco di Sardegna, Banca di Sassari, Fratelli Pinna e Assicurazioni Passino. L’evento è patrocinato da Comune di Sassari, Provincia di Sassari, Confcommercio, Camera di Commercio, Acqua San Martino, Consorzio per la tutela del formaggio Pecorino Romano, Cooperativa Lait, Oleificio Pinna, birra Grazia D.

Laurea in piazza Uniss 2

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
Fondo Ordinario Enti Ricerca (FOE). Giannini avvia iter per l’assegnazione

È partito l’iter per l’assegnazione del FOE, il Fondo Ordinario per il finanziamento degli Enti di ricerca vigilati dal Miur....

Chiudi