Hot sex Terza Pagina

Studio, per belli piu’ facile lavorare.

1275826108545_01Le persone bell’aspetto riescono a trovare lavoro più facilmente. È il risultato di uno studio condotto dal prof. Giovanni Busetta e da Emanuela Visalli dell’Università di Messina e dal prof. Fabio Fiorillo dell’Università Politecnica delle Marche che si sono interrogati sulla possibilità che esista una preferenza, da parte dei datori di lavoro, per i candidati attraenti.

Le persone bell’aspetto riescono a trovare lavoro più facilmente. È il risultato di uno studio condotto dal prof. Giovanni Busetta e da Emanuela Visalli dell’Università di Messina e dal prof. Fabio Fiorillo dell’Università Politecnica delle Marche che si sono interrogati sulla possibilità che esista una preferenza, da parte dei datori di lavoro, per i candidati attraenti, e se questa dipenda dal sesso, dalle caratteristiche fisiche e da quelle razziali.

Hanno quindi monitorato le agenzie che offrono posti di lavoro in Italia e hanno inviato tra l’agosto 2011 e settembre 2012 11.008 curricula falsi a 1542 offerte occupazionali pubblicizzate. Le conclusioni? Chi possedeva qualità estetiche maggiori ha avuto più possibilità di ottenere un colloquio. ”Lo studio – spiega il prof. Busetta – nasce da una tesi di laurea che ho commissionato a Emanuela Visalli, studentessa dell’ex Facoltà di Scienze Statistiche. Si tratta di un’idea innovativa, quella di separare la componente estetica dagli altri parametri nella valutazione dei risultati della ricerca, sebbene sia già stata sviluppata in Sud e Nord America”. I curricula hanno ottenuto il 30% di risposte favorevoli, soprattutto per i candidati considerati più attraenti (47% per gli uomini, 54% per le donne), mentre solo il 26% di uomini e il 7% di donne fisicamente meno ”avvantaggiati” sono riusciti ad ottenere un colloquio. Emerge dunque l’esistenza non solo di una discriminazione razziale (le candidature degli stranieri non vengono nemmeno valutate), ma anche, e soprattutto, basata sull’aspetto fisico. (ANSA).

Articoli Recenti: LiveUnict

Coronavirus, il Viminale chiarisce: “Sì a camminata genitore-figlio, ma vicino casa”

Coronavirus, il Viminale chiarisce: “Sì a camminata genitore-figlio, ma vicino casa”

Il Viminale ha confermato la possibilità per un genitore di fare una passeggiata con il figlio, ma con le dovute precisazioni.

Coronavirus in Sicilia, a Catania superati i 450 casi: i dati per provincia

Coronavirus in Sicilia, a Catania superati i 450 casi: i dati per provincia

Covid-19 in Sicilia: i dati relativi all’andamento del contagio nell’Isola aggiornati alla giornata di oggi, martedì 31 marzo, così come comunicati dalla Regione Siciliana.

Covid-19 in Italia, ancora 837 decessi: i dati odierni della Protezione Civile

Covid-19 in Italia, ancora 837 decessi: i dati odierni della Protezione Civile

Covid-19 in Italia: il numero di nuovi casi positivi nella conferenza stampa delle 18 della Protezione Civile.

Coronavirus, a Catania pacchi spesa per le famiglie in difficoltà: ecco come richiederli

Coronavirus, a Catania pacchi spesa per le famiglie in difficoltà: ecco come richiederli

Il Comune di Catania ha pubblicato sul suo sito il bando per la richiesta dei pacchi spesa per le famiglie in difficoltà.

Covid-19 in Sicilia, salgono ancora i contagi: i dati della Regione

Covid-19 in Sicilia, salgono ancora i contagi: i dati della Regione

Covid-19 in Sicilia: l’aggiornamento nel bollettino quotidiano della Regione per la giornata di oggi, martedì 31 marzo.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
Tutti i benefici del sesso: lo studio dell’Università di Munster

Università di Munster - Il sesso è un ottimo antidoto contro la cefalea a grappolo, è questa l’ultima scoperta dell’Università...

Chiudi