Università

Università, studentessa contrae HIV in laboratorio mentre lavora alla tesi

L'incidente è avvenuto dentro il laboratorio di un'università europea. Ci sono voluti sette anni perché la storia emergesse a galla.

Stava svolgendo ricerche per la sua tesi di laurea in un’università europea, si sentiva al sicuro, poi la sconvolgente scoperta, a Padova, dopo dei controlli del sangue. Una studentessa italiana ha contratto l’HIV mentre manipolava alcuni virus “difettivi”, quindi in teoria che non replicabili. I fatti sono avvenuti sette anni fa, ma la ragazza ha trovato solo nei giorni scorsi la forza di raccontarlo al Corriere.

L’episodio, racconta, le ha rovinato la vita, ma dopo anni di patimenti è arrivata la voglia di riscossa, con la richiesta di risarcimento milionario a due università, una italiana e una straniera. Ora la donna, assistita dall’avvocato Antonio Serpetti, del foro di Milano, si è sostanzialmente costruita una vita “parallela”, nascondendo la sua condizione alla maggior parte delle persone con cui entra in contatto. Stando alla sequenza genetica della perizia di parte, il virus che l’ha colpita non circola tra la popolazione, ma corrisponde a quelli costruiti in laboratorio. Quindi il contagio potrebbe essere avvenuto proprio durante l’attività di ricerca.

La vicenda giudiziaria è nelle fasi preliminari, anche se i giudici hanno già fissato la prima udienza; per l’avvocato Serpetti l’Hiv da laboratorio “è curabile ma con più difficoltà, perché i farmaci disponibili sono stati sviluppati sui virus circolanti”. 

Dopo la scoperta la donna ha dovuto affrontare un vero e proprio calvario. Prima la rottura della relazione col fidanzato, poi la lotta contro i pregiudizi e contro tutti quelli che non credevano che il contagio fosse avvenuto in laboratorio. Il caso della studentessa italiana potrebbe essere, secondo una ricerca di Boston, il primo di contagio con un virus generato in laboratorio. Un’ipotesi che metterebbe in allarme tutta la ricerca scientifica, se confermata.

Articoli Recenti: LiveUnict

A Catania si consegnano pacchi spesa: 2000 le domande inviate

A Catania si consegnano pacchi spesa: 2000 le domande inviate

Quasi 2.000 domande per i pacchi spesa destinati a coloro che si trovano in difficoltà durante l’emergenza sanitaria; la metà già consegnati.

Coronavirus, buone notizie dal Cannizzaro: altri 4 dimessi

Coronavirus, buone notizie dal Cannizzaro: altri 4 dimessi

Al Cannizzaro di Catania altri 4 pazienti sono stati dimessi dall’ospedale e 2 estubati nelle ultime 24 ore.

LiveUnipa: LiveUniPA

Coronavirus, Musumeci firma ordinanza: “Quarantena per chi arriva dalle zone rosse”

Coronavirus, Musumeci firma ordinanza: “Quarantena per chi arriva dalle zone rosse”

«Chi sbarca in Sicilia, con qualsiasi mezzo, provenendo dalle zone rosse del Nord, ha il dovere di informare il medico di base e porsi in autoisolamento». Lo impone un’ordinanza firmata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e in fase di notifica ai nove prefetti, ai questori ed ai 390 sindaci dell’Isola. Nella sua ordinanza, il governatore […]

Classifica ARWU, Unipa in crisi: per la prima volta oltre il 600° posto

Classifica ARWU, Unipa in crisi: per la prima volta oltre il 600° posto

Palermo registra un calo e scende oltre il 600° posto nella classifica delle migliori università del mondo.

Connettiti!