Università

Registrare una lezione all’università è legale? Ecco la risposta

Uno dei dubbi più frequenti tra gli studenti universitari è la legalità della registrazione di una lezione. Ecco, finalmente, la risposta alla comune domanda.

Molto spesso non è possibile frequentare le lezioni del corso universitario, per questo motivo si chiede ad un collega la registrazione della lezione, per un ascolto tranquillo e comodo, a casa o in biblioteca. Ad ogni modo, questa prassi viola qualche legge o regolamento? Si può fare anche se il professore non ha esplicitato l’autorizzazione? Scopriamolo insieme.

Quando si accende il registratore, oppure si attiva dallo smartphone o dal tablet, bisogna tenere conto di diverse eventualità. La più importante è quella penale, riguardante cioè la violazione della privacy. Successivamente bisogna tenere conto del diritto d’autore e delle eventuali limitazioni imposte autonomamente dall’università sull’uso dei cellulari all’interno delle aule.

La prima cosa da sapere è che il professore non può vietare la registrazione a protezione della sua privacy. Lo ha stabilito, innanzitutto, la Cassazione. È sempre possibile, anche a loro insaputa, registrare una conversazione con altre persone. L’unica cosa da fare è non allontanarsi dal luogo della discussione durante la registrazione, per non fare credere agli interlocutori di essere “soli”.

Secondo il Garante della Privacy, gli stessi accorgimenti sono validi anche per le lezioni universitarie. Si può registrare e filmare una lezione a patto che lo studente lo faccia per lo studio personale, senza lesioni alla dignità del docente, scopi di lucro, senza la manomissione e la creazione di doppiaggi falsi e senza la diffusione sui social, salvo il consenso del diretto interessato.

Nel caso ci fosse il diritto d’autore, la riproduzione è sempre riservata. Potrebbe accadere in caso di una conferenza, ma mai nel caso di una lezione. Il professore potrebbe richiedere il copyright nel caso la spiegazione venisse trascritta e poi rivenduta.

Bisogna sempre stare attenti alle limitazioni imposte dall’università sull’uso dei cellulari nelle aule. Una violazione delle stesse potrebbe essere penale.

Articoli Recenti: LiveUnict

A Catania si consegnano pacchi spesa: 2000 le domande inviate

A Catania si consegnano pacchi spesa: 2000 le domande inviate

Quasi 2.000 domande per i pacchi spesa destinati a coloro che si trovano in difficoltà durante l’emergenza sanitaria; la metà già consegnati.

Coronavirus, buone notizie dal Cannizzaro: altri 4 dimessi

Coronavirus, buone notizie dal Cannizzaro: altri 4 dimessi

Al Cannizzaro di Catania altri 4 pazienti sono stati dimessi dall’ospedale e 2 estubati nelle ultime 24 ore.

LiveUnipa: LiveUniPA

Coronavirus, Musumeci firma ordinanza: “Quarantena per chi arriva dalle zone rosse”

Coronavirus, Musumeci firma ordinanza: “Quarantena per chi arriva dalle zone rosse”

«Chi sbarca in Sicilia, con qualsiasi mezzo, provenendo dalle zone rosse del Nord, ha il dovere di informare il medico di base e porsi in autoisolamento». Lo impone un’ordinanza firmata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e in fase di notifica ai nove prefetti, ai questori ed ai 390 sindaci dell’Isola. Nella sua ordinanza, il governatore […]

Classifica ARWU, Unipa in crisi: per la prima volta oltre il 600° posto

Classifica ARWU, Unipa in crisi: per la prima volta oltre il 600° posto

Palermo registra un calo e scende oltre il 600° posto nella classifica delle migliori università del mondo.

Connettiti!