Pubblicità e annunci

Gadget personalizzati ed ecologici: i consigli per la tua azienda

Creare dei gadget personalizzati ed eco-friendly da distribuire a dipendenti e clienti può essere un buon modo per rispettare l'ambiente e far conoscere il proprio brand.

Cosa vuol dire “sostenibilità”? Si tratta, senza dubbio, di un tema molto alla moda ai giorni nostri. Tuttavia proprio l’appeal dell’argomento ha, negli ultimi tempi, contribuito a una significativa inversione di tendenza, a un’evoluzione importante, fin dalle più piccole pratiche quotidiane. Per questo motivo, moltissimi settori – tra tutti quello della moda e del marketing – stanno investendo sempre di più sull’eco-friendly. Aziende nazionali e internazionali scelgono, in questo senso, sempre più spesso di personalizzare gadget e omaggi che hanno un impatto positivo sull’ambiente, cogliendo l’occasione per pubblicizzare i propri prodotti o servizi. Se anche voi, siete alla ricerca di idee per un upgrade in termini di sostenibilità ma non sapete da dove iniziare, ecco qualche pratico consiglio.

Prodotti personalizzati eco-friendly

Per chi si sta chiedendo come fare a realizzare oggetti personalizzati, basterà sapere che in rete ci sono diverse soluzioni in grado di coniugare alla perfezione un buon marketing e il rispetto per il nostro pianeta. Siti come https://www.maxilia.it/ – specializzati nella realizzazione di gadget personalizzati di qualunque tipo – diventano un’ottima soluzione per tutti coloro che hanno in mente una campagna pubblicitaria efficace, ma soprattutto sostenibile. Un’ottima idea può essere quella di realizzare oggetti personalizzati con il nome dell’azienda o di un ente, una frase o un logo, per tutti i dipendenti o i clienti più affezionati. Una pratica che, in Italia, sta diventando sempre più diffusa anche nel settore pubblico. Molto interessanti, ad esempio, sono le iniziative di alcune università italiane che – all’installazione di erogatori di acqua – hanno fatto seguire la distribuzione di borracce riutilizzabili con il logo dell’ente in questione a tutti gli studenti iscritti. Si tratta di iniziative locali che, tuttavia, possono avere un impatto globale importante, riducendo sensibilmente il consumo di materiali nocivi per l’ambiente. Pensa globale, agisci locale!

Borracce, penne, quaderni e borse: rafforzare il brand

Scegliere prodotti ecologici per la propria azienda può risultare positivo anche in termini di branding. Creare e distribuire gadget con il proprio marchio può essere una buona strategia, utile per rafforzare la propria identità. Ma quali gadget scegliere? Il consiglio è quello di puntare sempre su oggetti comuni e utilizzabili quotidianamente. Penne, matite, quaderni e agende sono sicuramente tra i più frequenti. Da sempre e da tutti apprezzata, la cancelleria è un buon compromesso per chi vuole andare sul classico e spendere meno. Tuttavia esiste un’infinità di altri prodotti personalizzabili, originali e soprattutto in perfetta armonia con il nostro ecosistema. Ad esempio, perché non optare per una borraccia riutilizzabile? Non è un segreto che averne una sia ormai un must. Pratiche e comode, le borracce sono diventate un prodotto insostituibile per chiunque voglia contribuire a ridurre sensibilmente l’inquinamento legato alla plastica. O ancora: perché non optare per delle shopper bag in cotone? Anche queste puntano a ridurre il consumo di plastica e sono apprezzatissime da tutti. Bianche o colorate, possono rivelarsi la soluzione perfetta per creare un souvenir utile (fare la spesa o portare dei libri) e con il proprio logo ben in vista.

Di soluzioni, insomma, ce ne sono tantissime: rispettare l’ambiente e promuovere il proprio brand può rivelarsi un connubio estremamente felice. I piccoli gesti possono fare la differenza: schierarsi dalla parte della sostenibilità può essere per un’azienda un buon modo per sposare la causa ambientale e, nel frattempo, per farsi conoscere. E poi, ammettiamolo, a chi è che non piacciono i gadget?

Articoli Recenti: LiveUnict

A Catania si consegnano pacchi spesa: 2000 le domande inviate

A Catania si consegnano pacchi spesa: 2000 le domande inviate

Quasi 2.000 domande per i pacchi spesa destinati a coloro che si trovano in difficoltà durante l’emergenza sanitaria; la metà già consegnati.

Coronavirus, buone notizie dal Cannizzaro: altri 4 dimessi

Coronavirus, buone notizie dal Cannizzaro: altri 4 dimessi

Al Cannizzaro di Catania altri 4 pazienti sono stati dimessi dall’ospedale e 2 estubati nelle ultime 24 ore.

LiveUnipa: LiveUniPA

Coronavirus, Musumeci firma ordinanza: “Quarantena per chi arriva dalle zone rosse”

Coronavirus, Musumeci firma ordinanza: “Quarantena per chi arriva dalle zone rosse”

«Chi sbarca in Sicilia, con qualsiasi mezzo, provenendo dalle zone rosse del Nord, ha il dovere di informare il medico di base e porsi in autoisolamento». Lo impone un’ordinanza firmata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e in fase di notifica ai nove prefetti, ai questori ed ai 390 sindaci dell’Isola. Nella sua ordinanza, il governatore […]

Classifica ARWU, Unipa in crisi: per la prima volta oltre il 600° posto

Classifica ARWU, Unipa in crisi: per la prima volta oltre il 600° posto

Palermo registra un calo e scende oltre il 600° posto nella classifica delle migliori università del mondo.

Connettiti!