Abruzzo Basilicata Calabria Camerino Campania Emilia Federico II Foro Italico Friuli IMT -Lucca L'orientale Lazio Liguria Lombardia Lub - Bolzano Magna graecia Marche Mediterranea Milano Bicocca Molise Numero programmato Orientale Parthenope Piemonte Poliba Polimi Politecnica Polito Puglia Roma Tre Sapienza Sardegna Sicilia SSSUP Studi Superiori Pavia SUM Tor Vergata Toscana Trentino Umbria Uni Stranieri di Alghero uni stranieri di Siena Uni stranieri Perugia Uni Tuscia Unical UniKore di Enna Unimore Università del Molise Università del Salento Università del Sannio Università dell'Aquila Università di Bari Università di Bergamo Università di Bologna Università di Brescia Università di Cagliari Università di Cassino Università di Catania Università di Ferrara Università di Firenze Università di Foggia Università di Genova Università di Macerata Università di Messina Università di Milano Università di Napoli Università di Parma Università di Pavia Università di Perugia Università di Pisa Università di Potenza e Matera Università di Salerno Università di Sassari Università di Teramo Università di Torino Università di Trento Università di Trieste Università di Udine Università di Urbino Università Gabriele D'Annunzio Università Insubria

Italia maglia nera Ue per numero laureati

UNIVERSITA': TEST; MAGAGNE A BARI INTERVIENE DIGOS

Italia maglia nera d’Europa per numero di laureati. E’ quanto emerge dai dati Eurostat 2013, secondo cui la percentuale di italiani tra i 30 e i 34 anni che hanno completato gli studi universitari (22,4%) è la più bassa di tutti i 28 paesi Ue. Male anche per gli abbandoni a livello di scuola secondaria, dove l’Italia è quintultima.

A fronte di una media Ue del 37% di giovani adulti che hanno portato a termine il percorso universitario, l’Italia con il 22,4% è letteralmente l’ultima della classe, sorpassata anche da Romania (22,8%), Croazia (25,9%) e Malta (26%). I paesi con il più alto numero di laureati sono invece Irlanda (52,6%), Lussemburgo (52,5%) e Lituania (51,3%). Nel 2002, l’Italia era al 13,1% e, pur essendo quindi migliorata, è avanzata molto meno degli altri paesi, passando dalla quintultima posizione europea all’ultima 11 anni dopo. E 23esima su 28 è anche la posizione italiana per numero di ragazzi tra i 18 e 24 anni che hanno abbandonato studi e formazione dopo la scuola media, ben il 17%.

A fronte di una media Ue dell’11,9%, peggio di noi solo Spagna (23,5%, record negativo), Malta (20,9%), Portogallo (19,2%) e Romania (17,3%). I paesi virtuosi con il minor numero di ragazzi che hanno precocemente smesso di studiare sono Croazia (3,7%), Slovenia (3,9%) e Repubblica ceca (5,4%). (fonte dati Ansa)

Articoli Recenti: LiveUnict

A Catania si consegnano pacchi spesa: 2000 le domande inviate

A Catania si consegnano pacchi spesa: 2000 le domande inviate

Quasi 2.000 domande per i pacchi spesa destinati a coloro che si trovano in difficoltà durante l’emergenza sanitaria; la metà già consegnati.

Coronavirus, buone notizie dal Cannizzaro: altri 4 dimessi

Coronavirus, buone notizie dal Cannizzaro: altri 4 dimessi

Al Cannizzaro di Catania altri 4 pazienti sono stati dimessi dall’ospedale e 2 estubati nelle ultime 24 ore.

LiveUnipa: LiveUniPA

Coronavirus, Musumeci firma ordinanza: “Quarantena per chi arriva dalle zone rosse”

Coronavirus, Musumeci firma ordinanza: “Quarantena per chi arriva dalle zone rosse”

«Chi sbarca in Sicilia, con qualsiasi mezzo, provenendo dalle zone rosse del Nord, ha il dovere di informare il medico di base e porsi in autoisolamento». Lo impone un’ordinanza firmata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e in fase di notifica ai nove prefetti, ai questori ed ai 390 sindaci dell’Isola. Nella sua ordinanza, il governatore […]

Classifica ARWU, Unipa in crisi: per la prima volta oltre il 600° posto

Classifica ARWU, Unipa in crisi: per la prima volta oltre il 600° posto

Palermo registra un calo e scende oltre il 600° posto nella classifica delle migliori università del mondo.

Connettiti!