Università del Salento

Laurea in Matematica nonostante la dislessia: la storia di Matteo

Un tempo si diceva che le migliori battaglie sono quelle che si combattono (e si vincono) autonomamente, con i propri sforzi e le proprie risorse; difficili, poi, sono anche quelle sfide in cui le difficoltà si presentano a percorso iniziato, possibilmente senza accorgersene prima. L’importante, comunque, è fare risultato: c’è riuscito, nella sua impresa, un venticinquenne salentino, Matteo Notarnicola, che ieri è stato cinto dell’alloro accademico presso l’Università del Salento, avendo conseguito la laurea in Matematica nonostante la dislessia, di cui lo studente si è accorto solo a studi iniziati. 

La tesi del ragazzo ha riscosso un grande successo, non solo presso la commissione di seduta di laurea – dove ha tra l’altro conseguito una votazione di 109/110 – ma anche presso la rivista scientifica “Journal of Mathematical Physics”, che ha mostrato il suo interessamento al tema trattato dal laureando optano per la pubblicazione della tesi sulle proprie pagine, dando alla vicenda un ulteriore risalto.

Matteo aveva iniziato il suo percorso con grandi ambizioni, avendo conseguito risultati brillanti presso il liceo; poi, l’iscrizione al corso di laurea in Matematica a fine 2014, quando i problemi iniziano ad affiorare solo nei semestri successivi, nel corso dei quali Matteo non riesce a dare nessuna materia, non superando alcuna prova scritta, con sua grande amarezza. Lo studente non molla e, anche grazie alle parole di una propria insegnante in merito a disturbi sull’apprendimento – e relativa tutela con una legge del 2010 – si convince a recarsi presso l’Ufficio Integrazione del proprio ateneo, iniziando ad constatare anche alcune difficoltà nella lettura e nella scrittura.

Alla fine, la soluzione passa attraverso l’apposito “Servizio di consulenza – Sportello BES/DSA”, al quale lo studente si presenta autonomamente e presso cui accerta i propri disturbi dell’apprendimento sottoponendosi all’iter diagnostico previsto dalla legge, da cui si evincono “Disturbi misti delle capacità scolastiche”. Una notizia che per Matteo ha segnato l’inizio dell’ascesa verso l’ambito traguardo, sicuramente più a rilento, fino alla laurea conseguita pochi giorni fa. Tanti gli omaggi allo studente, soprattutto via social, per congratularsi all’ennesima lezione di vita che, come molte altre, proviene ancora una volta dalle aule accademiche.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
Concorsi pubblici all’Università: posti per ricercatori in diversi ambiti

Opportunità di lavoro all'Università: quattro atenei italiani sono alla ricerca di nuove figure. Tutte le informazioni su posizioni e scadenze.

Chiudi