Emilia In copertina Università di Bologna

UNIBO – Arriva UNIone, lo spazio polifunzionale per gli studenti Unibo

[Best_Wordpress_Gallery id=”13″ gal_title=”unione”]

Università di Bologna – Un edificio di oltre 1.700 metri quadrati con aule, sala riunioni, sala video con maxischermo, uno spazio per pranzare e una palestra. (foto dal sito Università di Bologna)

All’Alma Mater è stato recentemente inaugurato UNIone, il primo spazio polifunzionale dedicato agli studenti dell’Università di Bologna. Oltre 1.720 metri quadrati che ospitano sale studio, un laboratorio informatico, aule per la didattica, una sala riunioni, una sala video con maxischermo, un ampio spazio Pausa Pranzo e una palestra attrezzata Technogym. Il nuovo edificio è al civico 33 di via Azzo Gardino, tra la sede del Dipartimento di Filosofia e Comunicazione, il Parco del Cavaticcio e la ex-Manifattura Tabacchi.


Università di Bologna (fonte). La zona, da tempo oggetto di un piano di recupero urbanistico promosso dal Comune di Bologna, era anticamente sede di insediamenti produttivi. La nuova struttura dell’Alma Mater nasce su uno spazio che ospitava un edificio difficilmente databile, nominato “ex-Profumeria”, presente in alcune fotogrammetrie dell’area risalenti agli anni ’30 del secolo scorso.

UNIone arriva dopo due importanti progetti di risanamento e restauro tipologico della zona:quello della ex-Manifattura Tabacchi – che, ceduta all’Università, ospita oggi il Dipartimento di Filosofia e Comunicazione – e quello del complesso dell’ex-Macello – ceduto sempre all’Università, che ha provveduto a ristrutturalo su progetto dell’architetto Aldo Rossi e oggi è sede del Dipartimento delle Arti – DARvipem e della Cineteca comunale. Un terzo intervento, curato invece dal Comune, ha riguardato negli anni scorsi il recupero e il restauro del lotto compreso tra via Azzo Gardino e via Castellaccio, da cui è nato anche uno studentato. Completare e garantire i servizi accessori dello studentato di Via Castellaccio, riuscendo allo stesso tempo ad offrire spazi di studio e attività complementari alla popolazione studentesca, è stato l’obiettivo che ha guidato questo nuovo progetto.

UNIone – costato 5,7 milioni di cui 3,3 da cofinanziamento MIUR e il resto a carico dell’Ateneo –ospita al piano terra una sala studio in cui un’associazione studentesca, identificata tramite bando, curerà iniziative culturali e di supporto allo studio (emeroteca, cineforum, tandem linguistici…), un’aula da 100 posti e due da 50 posti. Al piano interrato è stata allestita una palestra a uso gratuito degli studenti con attrezzature Technogym, mentre al primo piano si trovano un ampio spazio ristoro (Pausa Pranzo @ Unibo) con distributori automatici e forni a microonde, una sala video con maxischermo 50 pollici, un laboratorio informatico con 30 postazioni fisse, uno spazio a disposizione di gruppi di studenti e associazioni, alcuni uffici e una sala riunioni. UNIone è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19, il sabato e la domenica è aperta solo la sala studio dalle 11 alle 19.

Il nuovo spazio è pensato per garantire l’accesso anche agli studenti con disabilità. Un ascensore garantisce l’accesso a tutti i piani della struttura. Per l’accesso alla palestra, nel piano interrato, è stato realizzato un montascale elettrico. All’interno dell’edificio, inoltre, sono stati installati mappe e percorsi tattili per consentire ai non vedenti di muoversi in autonomia.

Connettiti!