Scuola

Scuola, concorso straordinario per infanzia e primaria: ecco come funziona

Il concorso straordinario, secondo il decreto Dignità, non sarà selettivo: le graduatorie che saranno pubblicate al termine del concorso saranno ad esaurimento.

Il nuovo decreto “Dignità” ha introdotto alcune novità in materia dei concorsi pubblici, soprattutto riguardanti quelli delle scuole. In particolare, il primo concorso ad essere bandito dal Ministero dell’istruzione è quello straordinario per la copertura dei posti dei docenti per la scuola dell’infanzia e primaria.

L’art. 10 del decreto mette in chiaro le modalità della creazione delle graduatorie. Al termine della valutazione, la commissione stilerà le graduatorie di merito straordinarie regionali: ciascuna di esse comprenderà tutti i soggetti ammessi alle distinte procedure e che hanno sostenuto la prova orale.

La valutazione della prova servirà a determinare (insieme alla valutazione dei titoli) il posto da occupare in tale graduatoria e quindi l’anno di immissione in ruolo. Pertanto, le graduatorie sono ad esaurimento: l’assunzione non scatterà automaticamente, ma bisognerà rispettare l’ordine, ovvero, il 50% alle graduatorie ad esaurimento e il 50% ai concorsi.

Il concorso straordinario, su base dell’articolo 10 del decreto del 17 ottobre 2018, è diretto a rispondere alla sentenza dell’adunanza plenaria del 20 dicembre 2017, che ha negato l’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento, da cui si concorre per il 50% dei posti annualmente disponibili per le assunzioni a tempo indeterminato.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
Tokyo, Università di Medicina: le donne rifiutate verranno ammesse

L'Università di Medicina giapponese cerca di rimediare all'errore che aveva portato ad un ennesimo caso di sessismo nel mondo accademico.

Chiudi