Notizie universitarie » Piemonte » Università di Torino » Università, studentessa scopre la “luce più tenue” dell’Universo
Università di Torino

Università, studentessa scopre la “luce più tenue” dell’Universo

Accade a Torino, dove una giovane dottoranda ha discusso nella sua tesi l'individuazione della luce più debole dell'universo, mai riuscita ad essere colta finora.

L’universo non ha più segreti: la dottoressa Michela Negro, studentessa dell’INFN torinese, infatti, è riuscita ad individuarne la “luce più tenue”, debole ed antica. La scoperta è nata proprio dalla tesi di Michela, pubblicata sul sito ArXiv e in via di pubblicazione sulla rivista Physical Review Letters (Prl).

Ma come si è arrivati alla scoperta? Tramite i dati del LAT (Large Area Telescope), a bordo del satellite Fermi della Nasa in collaborazione con l’INFN, l’Agenzia Spaziale Italiana e INAF, in orbita da ben 10 anni. Ed è proprio dal suo lancio che Fermi osserva le particelle di luce (fotoni) ad altissima energia, ossia i raggi gamma generati dai fenomeni più violenti dell’universo, come le esplosioni delle supernovae.

Ai calcoli, però mancavano quelle che i fisici definivano emissioni ‘non risolte’ e che, finalmente, possono essere ricostruite soltanto adesso, con la prima descrizione dei fotoni dall’energia più tenue, provenienti da almeno due tipi di sorgenti.

Per capire la difficoltà con cui questa “luce tenue” è individuabile, i ricercatori la spiegano più facilmente con una similitudine: “È come guardare in una stanza buia un albero addobbato con le luci natalizie; se guardiamo distrattamente, vedremo una luce diffusa, ma se guardiamo con insistenza e continuità si nota la differenza tra le luci recenti, più intense, e quelle più vecchie e deboli.”

Articoli Recenti: LiveUnipa

Palermo – Reddito di cittadinanza, il comune avvia tirocini formativi

Palermo – Reddito di cittadinanza, il comune avvia tirocini formativi

413 tirocini professionalizzanti attivati dal Comune di Palermo per altrettanti percettori del Reddito di cittadinanza, grazie ai fondi del PON Inclusione, per circa 2,5 milioni di euro.

Connettiti!