Scuola

Ministero dell’Istruzione, via libera a corso di esorcismo per docenti

Il Miur ha accreditato un corso sull’esorcismo e la “preghiera di liberazione”, destinato ai docenti di scuola secondaria di primo e secondo grado.

La notizia che poteva apparire bizzarra, è stata confermata da un’insegnante accreditato, avente questi la possibilità di entrare all’interno del sistema. L’iniziativa formativa ID. 26222 è proprio un Corso sull’esorcismo e la preghiera di liberazione. Il costo del corso è di 400 euro a docente e ha 40 ore obbligatorie.

Ciò che rimane da comprendere è quale potrebbe essere l’utilità di questo corso per gli insegnanti. Il Ministero, sul suo sito ufficiale, ha descritto l’iniziativa con queste parole: “Il corso di propone di descrivere, analizzare e comprendere gli aspetti peculiari del ministero dell’esorcismo e della preghiera di liberazione approfondendo sia le tematiche direttamente connesse alla pratica dell’esorcismo e a una sua corretta prassi. sia tematiche collaterali (antropologiche, mediche, psicologiche, farmacologiche, criminologiche, legali, etc.). 

Compito del corso è anche quello di descrivere e verificare l’incidenza sociale di quei fattori che spingono le persone a rivolgersi agli esorcisti. Inoltre quello di fornire le necessarie competenze a sacerdoti, medici, psicologi, legali, docenti di ogni ordine e grado e in particolare docenti di religione, per affrontare tematiche di attualità sociale, dotati delle opportune conoscenze e degli adeguati strumenti di analisi e intervento”.

A promuovere il corso è l’Ateneo Pontificio Regina Apostulorum. Tra gli altri obiettivi che il corso si prefigge  ci sarebbero anche: “Bisogni sociali e individuali dello studente, conoscenza e rispetto della realtà naturale e ambientale, dialogo interculturale e interreligioso, didattica per competenza e competenze trasversali, tutela della salute nei luoghi di lavoro”. 

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
Università, scoperto nuovo freno al tumore più diffuso tra i bambini

Importanti scoperte nella lotta contro il neuroblastoma: gli esperti hanno scoperto un nuovo inibitore di uno dei geni responsabili.

Chiudi