Terza Pagina

Donna si inietta in vena del succo di frutta: “Pensavo fosse nutriente”

Dalla Cina una vicenda surreale con protagonista una donna contraria farmaci e rimedi tradizionali: la cinquantunenne ha deciso di iniettarsi in vena del succo di frutta.

I meno fantasiosi hanno sempre associato ad aghi e flebo le idee poco felici di sangue e medicine: una donna cinese permetterà loro di ricredersi. Zeng, infatti, è la protagonista di una storia realmente accaduta lo scorso 27 febbraio ma che ha dell’incredibile. La cinquantunenne è divenuta celebre per aver scelto volontariamente di iniettarsi direttamente nelle vene del succo di frutta con lo scopo di assumere più facilmente vitamine e nutrienti della frutta.

Inutile dire che l’originale flebo non ha permesso di ottenere i risultati sperati: la donna è stata presto colta da un forte prurito e, poco dopo, ha accusato un malore.

Solo l’intervento repentino di familiari e medici ha permesso di salvare l’appassionata di metodi alternativi e rimedi casalinghi da una grave allergia che aveva compromesso le funzionalità di diversi organi.

“Pensavo che i frutti freschi fossero molto nutrienti – ha ammesso la donna donna – e non avrei mai pensato che sarebbero stati dannosi iniettandoli nel mio corpo”.

Articoli Recenti: LiveUnipa

Uno studio sull’epatite B sul GUT, la collaborazione dell’Università di Palermo

Uno studio sull’epatite B sul GUT, la collaborazione dell’Università di Palermo

Allo studio ha partecipato la prof.ssa Grazia Cottone del Dipartimento di Fisica e Chimica-Emilio Segrè dell’Università Palermo. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista Gut

Connettiti!