Attualità

Smartphone esplode: studentessa muore nel sonno

Tragedia in Kazakistan, dove una ragazza è morta nel sonno a seguito dell'esplosione del proprio smartphone messo sotto carica vicino al cuscino.

Come tanti giovani, la vittima si era addormentata ascoltando la musica dal proprio cellulare messo in carica vicino al letto. Da quanto risulta, il surriscaldamento della batteria dello smartphone avrebbe causato l’esplosione del cellulare che, trovandosi vicino al viso della ragazza, non le avrebbe lasciato scampo.

La tragedia è successa in Kazakistan, a Bastobe e la vittima è la giovane 14enne Alua Asetkyzy Abzalbek. I genitori hanno ritrovato il corpo della ragazza senza vita e i soccorritori non hanno potuto fare nulla per salvarla. L’esplosione ha infatti procurato gravi danni al volto della ragazza, proprio per la vicinanza dello smartphone al letto della giovane.

Una vera tragedia che però ha dei precedenti. Il caso di Alua non è isolato: già diverse volte cellulari in carica vicino al letto sono esplosi provocando la morte del proprietario. La stessa sorte è infatti toccata a un manager 45enne nel 2018: aveva messo il cellulare sotto carica sotto il cuscino ed è morto a causa dell’esplosione del dispositivo.

Articoli Recenti: LiveUnipa

Uno studio sull’epatite B sul GUT, la collaborazione dell’Università di Palermo

Uno studio sull’epatite B sul GUT, la collaborazione dell’Università di Palermo

Allo studio ha partecipato la prof.ssa Grazia Cottone del Dipartimento di Fisica e Chimica-Emilio Segrè dell’Università Palermo. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista Gut

Connettiti!