Università Insubria

Lezione fra i ghiacciai: apre la prima università in Antartide ed è italiana

Sarà un ateneo italiano il primo a far seguire lezioni, a studenti e dottorandi, presso i ghiacci dell'Antartide.

Sarà l’Università dell’Insubria il primo ateneo al mondo che farà seguire lezioni fra i ghiacci dell’Antartide. La sede sarà realizzata presso la base cilena di O’Higgins, nell’estremità nordorientale della penisola antartica, in collaborazione con il Programma Antartico Cileno. Tutto questo è possibile grazie al progetto Insubre Antar, appena selezionato dal Ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca, che sarà realizzato nei prossimi tre anni con un investimento di 480.000 euro, di cui 90.000 erogati dal Miur e i restanti dall’ateneo con alcuni partner.

La sede antartica dell’Insubria non si occuperà soltanto di formazione, ma anche di ricerca. Sarà composto da due unità prefabbricate ecocompatibili. Una verrà attrezzata a laboratorio per lo studio dei cambiamenti climatici e ambientali mentre l’altra a uso abitativo. Grazie alla connessione satellitare sarà possibile svolgere seminari e lezioni in teleconferenza e sperimentare metodi di intelligenza artificiale per la trasmissione di dati di monitoraggio ambientale.

L’ateneo sta revisionando il corso di laurea magistrale in Scienze ambientali per preparare gli studenti all’esperienza in Antartide attraverso quattro indirizzi, di cui due in lingua inglese: Climate and global change, Natural risks, Rischio chimico, Gestione e conservazione della biodiversità. Nella sede antartica gli studenti, dell’Insubria o di altri atenei, potranno anche svolgere tesi di laurea o di dottorato e realizzare attività di ricerca con un team internazionale. Una annualità di borsa del dottorato in Scienze polari sarà inoltre cofinanziata con Cà Foscari di Venezia.

 

 

Articoli Recenti: LiveUnipa

Uno studio sull’epatite B sul GUT, la collaborazione dell’Università di Palermo

Uno studio sull’epatite B sul GUT, la collaborazione dell’Università di Palermo

Allo studio ha partecipato la prof.ssa Grazia Cottone del Dipartimento di Fisica e Chimica-Emilio Segrè dell’Università Palermo. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista Gut

Connettiti!