Notizie universitarie » Orientamento » Come diventare gamer professionista: giochi e guadagni
Orientamento

Come diventare gamer professionista: giochi e guadagni

diventare gamer professionista

Come diventare gamer professionista? Gli eSports sono un mondo in crescente evoluzione. Sempre più persone, soprattutto i giovani, sono attratti dal mondo dei videogiochi non solo come semplice intrattenimento, ma come lavoratore vero e proprio. Il paragone con i giocatori di calcio non è una provocazione: il mondo dei videogiochi è davvero ricco. Basti pensare che in Europa l’industria dei videogames ha superato quella del libro per fatturato ed è oggi la prima industria culturale. Scopriamo, quindi, alcuni trucchi per entrare in questo mondo.

Come diventare gamer professionista: scelta del gioco e allenamento

Lo step da cui iniziare per ognuno che si chieda come diventare gamer professionista è la scelta del gioco. Non si tratta di una banalità. Le tentazioni, qui, sono due: giocare al gioco in cui si è più bravi o giocare a quello dove si guadagna di più. Come dicevano i latini, però, in medio stat virtus: la virtù sta nel mezzo. Bisogna, insomma, trovare quello che più fa al caso nostro.

In Italia alcuni titoli eSport di ampio successo sono DOTA 2, League of Legends, Fortnite e CounterStrike: Global Offensive. A questi poi si aggiungono FIFA e Pes: il calcio è lo sport più seguito e, comprensibilmente, questi sono i due giochi più acquistati. Un’altra nota: i giochi più diffusi non sono sempre i migliori da cui iniziare. La gerarchia, qui, è già ben strutturata e troverete numerosi competitors. Bisogna sempre dare un’occhiata alle nuove uscite, cercando di intuire dove soffia il vento. È quello che hanno fatto, per esempio, i proplayer di Rocket League2 e PlayerUnkown’s Battlegrounds. Il consiglio più importante, quindi, è di provare alcuni giochi e scegliere quello con cui vi trovate meglio.

Infine, l’allenamento. Qui è importante sfatare un falso mito per chi vuole capire come diventare gamer professionista: non serve giocare 24/7. Anzi. I migliori giocatori al mondo conducono una vita equilibrata, conciliando relazioni sociali, videogames e attività motoria. La pratica migliore è sempre il learn by doing, ma è importante anche studiare i player migliori nell’eSport di riferimento. È fondamentale, poi, una buona attrezzatura. Mouse da gaming, tastiera meccanica e un buon controller sono un must. Anche il vostro PC da gaming deve avere prestazioni all’altezza. Soprattutto, è importante avere confidenza con i propri strumenti: spesso i migliori giocatori portano ai tornei le loro periferiche. Molto più che questione di abitudine.


Dai videogiochi alla meteorologia: i corsi di laurea più all’avanguardia in Italia


Quanto si guadagna

Naturalmente, dipende dal gioco e dalla bravura, ma un gamer professionista può guadagnare da qualche centinaio di euro a migliaia di euro al mese. Ci sono, poi, i tornei, che rappresentano le fonti di guadagno più redditizie.

Giusto per fare qualche esempio, nel 2017 un 25enne tedesco, nickname KuroKy, ha vinto oltre 3milioni di dollari giocando a Dota 2. Al mondo, poi, sempre nel 2017 almeno 50 persone hanno guadagnato oltre 1 milione di dollari giocando a LOL o Dota 2.

Per quanto riguarda gli eSports di calcio, tra torneo Open e Pro di Pes ci sono in palio oltre 2 milioni di dollari di montepremi. Infine, nel 2020 è nata la eSerie A TIM, la lega eSports della Serie A. I compensi, qui, variano da rimborsi spese per trasferte, attrezzature e periferiche fino a diverse migliaia di euro al mese.

Come diventare gamer professionista: farsi notare

Sia chi si chiede da poco come diventare gamer professionista sia chi gioca già da un po’ e conosce questo mondo, può compiere il vero salto di qualità entrando in una squadra. I team negli eSports sono vantaggiosi sotto diversi punti di vista. Innanzitutto, permettono a chi è appena entrato di farsi le ossa e di imparare da vicino dai più esperti.

Potete trovare una squadra su alcuni siti web che fanno proprio questo. Ci sono, poi, interi server dedicati a seconda del gioco di riferimento su vari social meno mainstream.

Infine, per chi vuole curare la propria immagine e crede di essere pronto, ci sono le dirette. Twitch è il punto di riferimento imprescindibile per il livestreaming dei videogiochi ed è sempre più apprezzato per la possibilità di entrare in contatto coi giocatori e discutere dal vivo le partite più emozionanti. Non si tratta di una strada facile, ma se credete di avere le qualità giuste per questo settore, farsi notare è il modo più rapido per iniziare a guadagnare e a diventare dei veri progamer.

Instagram

Unsupported get request. Object with ID '17841408446307940' does not exist, cannot be loaded due to missing permissions, or does not support this operation. Please read the Graph API documentation at https://developers.facebook.com/docs/graph-api
Connettiti!