Notizie universitarie » Attualità » Studiare lingue: quali scegliere e dove impararle
Attualità

Studiare lingue: quali scegliere e dove impararle

lingue
Studiare lingue: si tratta della chiave per lavorare, conoscere e viaggiare bene. A chi rivolgersi e per quali optare? Ecco alcuni preziosi consigli da seguire.

“Centro di formazione linguistica” e “scuola di lingue” sono formule digitate frequentemente da chi ambisce ad apprendere lingue straniere, o ad approfondire la propria conoscenza in merito ad una di queste. Ma prima di scegliere a chi rivolgersi, occorrerà chiarire alcuni dubbi su questo genere di studi, ed ottenere risposte certe su vantaggi, svantaggi e canali.

Studiare lingue: perché?

In un mondo ampiamente globalizzato, la conoscenza delle lingue risulta sempre più utile, a dir poco fondamentale. Cresce, di conseguenza, il numero di giovani che opta per studi linguistici, già ai tempi delle scuole superiori e ancora quando giunge il momento dell’iscrizione ad un’università. Ma questi da quali ragioni sono mossi?

I vantaggi legati allo studio di una o più lingue sono molteplici. Tra tutti, però, andranno citati:

  1. più opportunità di lavoro: la conoscenza di una lingua straniera risulta fondamentale, in primo luogo, agli occhi di chi desidera intraprendere un’esperienza lavorativa all’estero. Al tempo stesso, però, figura spesso tra i requisiti presenti in bandi e offerte di lavoro “tutte italiane”. Dal ambito turistico a quello aziendale: anche nel Bel Paese dimostrare di saper parlare e comprendere un’altra lingua è una marcia in più.
  2. viaggi sicuri e consapevoli: chiunque ambisca a fare i bagagli e a partire per una vacanza all’estero, scoprirà che qualsiasi momento della permanenza può essere agevolato dalla conoscenza della lingua parlata nel Paese visitato;
  3. intessere relazioni e scoprire nuove culture: il mondo non è racchiuso tra le mura della propria stanza, al contrario è spesso fuori dal proprio Comune, dalla propria Regione e persino dai confini nazionali. Le lingue costituiscono la chiave per comprendere, tollerare ed amare chi è diverso da noi.

Quali lingue scegliere?

La scelta della lingua da studiare non è mai semplice, né è possibile adottare un criterio univoco per decidere. Alcuni scelgono di seguire il cuore, dunque di sfamare la propria passione per un Paese e per il relativo mezzo espressivo.

In altri casi, si opta per la praticità e si decide di studiare le lingue più parlate o più ricercate. A quali si fa riferimento? Sicuramente spiccano:

  • l’inglese;
  • il cinese mandarino;
  • lo spagnolo.

Imparare lingue: dove?

Resta da chiedersi a chi rivolgersi per imparare al meglio una lingua straniera. Il consiglio è e resta sempre quello di rivolgersi a degli esperti. Data questa premessa, si può scegliere di frequentare un corso di laurea in lingue tra i tanti previsti dai diversi atenei d’Italia e del mondo. Questa risulta essere, forse, la strada scelta dai più, ma non per certo l’unica. A dimostrarlo l’esistenza di questa scuola di lingue, o centro di formazione linguistica.

Il web, ad ogni modo, è pieno di corsi di lingua online, da seguire comodamente da casa propria e quando più si ha tempo. Va, ad ogni modo, ribadita una raccomandazione: occorre sempre ben analizzare le diverse alternative, scartare le meno affidabili e selezionare quelle con siti ricchi di informazioni e, magari, recensioni.

Un ultimo, ma non per questo meno importante, “strumento” per far propria una lingua è il programma Erasmus, giudicato come stimolante dalla maggior parte dei partecipanti.

Connettiti!