Sicilia Università di Palermo

Il pittore Botero ritorna a Palermo dopo 27 anni

boteroUn personaggio di rilievo nel mondo Siciliano. Un colombiano a Palermo, un rapporto di affinità non nuovo al capoluogo Siciliano.

Dal 20 marzo a Palazzo Reale, nelle Sale Duca di Montalto,sarà possibile prendere parte alla mostra “La Via Crucis, la pasión de Cristo”. La manifestazione è promossa dall’Assemblea regionale siciliana, dalla Fondazione Federico II e dal Museo colombiano di Antioquia e promette di essere un evento che non si ferma sul piano artistico e culturale. Un motivo di rilancio turistico e sociale per Palermo e i siciliani, come fa sapere orgoglioso il sindaco Leoluca Orlando.

Già nel 1988 il Comune di Palermo e la Galleria d’Arte Moderna avevano organizzato la mostra a tema “La corrida”. Un periodo particolare, a causa della forte ondata mafiosa e la grande reazione di legalità che si apprestava a dare una boccata d’aria a una Palermo soffocata dal sangue.

Le opere di Botero sono delle rappresentazioni di un astratto non sempre capite e apprezzate. La particolarità sta proprio nella realizzazione di elementi, anche simbolici e metaforici, che non appartengono per niente al mondo reale, ma che hanno una forte valenza surreale e plurivalente.

Ancora arte nella bella Sicilia, una spinta artistica primaverile che sta sbocciando nuovi appassionati mentre annaffia i vecchi nostalgici della buona arte.

Leggi anche ARTE – Made in Warhol, a Taormina in mostra le opere di Andy Warhol, ARTE – Catania ospita una mostra sul genio di Picasso.

Articoli Recenti: LiveUnict

La Regione stanzia 7 milioni per gli studenti fuorisede: li erogheranno gli ERSU

La Regione stanzia 7 milioni per gli studenti fuorisede: li erogheranno gli ERSU

Il presidente della Regione Siciliana annuncia un fondo complessivo di 7 milioni di euro per aiutare gli studenti fuorisede: a occuparsi dell’erogazione saranno gli Enti Regionali per il diritto allo Studio Universitario.

Tradizioni pasquali, “La Diavolata” di Adrano: un dramma ricco di storia

Tradizioni pasquali, “La Diavolata” di Adrano: un dramma ricco di storia

Si avvicina anche quest’anno la festività di Pasqua. La quarantena costringe tutti a rinunciare alle proprie tradizioni, in questo momento ancora più importanti da ricordare. Tra queste, una delle più tipiche nella provincia etnea è la “Diavolata” di Adrano: una tradizione secolare che continua a catturare gli spettatori di anno in anno.

Connettiti!