Campania Federico II L'orientale Parthenope Università del Sannio Università di Napoli Università di Salerno

Universiadi 2019 – Si svolgeranno a Napoli i giochi degli studenti universitari

universiadi 2

“Finalmente dopo 60 anni, dopo la prima Universiade firmata da Primo Nebiolo, tornano in Italia e nel Mezzogiorno i Giochi degli studenti universitari di tutto il mondo”, queste le parole di Lorenzo Lentini, presidente nazionale della Cusi, dopo la comunicazione che le prossime Universiadi si terranno a Napoli.

La decisione è stata presa a Bruxelles dalla Fisu (Federazione internazionale degli sport universitari) a seguito della candidatura della città di Napoli presentata lo scorso 9 febbraio dal Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, al Presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

Le Universiadi riuniranno 15mila persone tra atleti, organizzatori e addetti ai lavori. In particolare ci saranno 10 mila gli studiosi-atleti provenienti da più di 170 Paesi che si sfideranno in 14 discipline: atletica, basket, scherma, calcio, ginnastica artistica, ginnastica ritmica, judo, nuoto, immersioni, pallanuoto, tennis da tavolo, taekwondo, tennis e pallavolo.

L’area principale in cui si svolgeranno sarà quella dell’ex Nato di Bagnoli e a questa si aggiungeranno altri luoghi campani. L’evento permetterà di visitare tutta la regione e di porre sotto i riflettori i bellissimi luoghi che possiede. Inoltre le Universiadi 2019 torneranno a valorizzare gli impianti costruiti in occasione di precedenti eventi sportivi come le Olimpiadi della vela del 1960 e i Giochi del Mediterraneo del 1963.
Le date ufficiali non sono state ancora rese note, ma si parla del periodo 31 luglio – 11 agosto o del 7 -18 agosto.

Articoli Recenti: LiveUnipa

Uno studio sull’epatite B sul GUT, la collaborazione dell’Università di Palermo

Uno studio sull’epatite B sul GUT, la collaborazione dell’Università di Palermo

Allo studio ha partecipato la prof.ssa Grazia Cottone del Dipartimento di Fisica e Chimica-Emilio Segrè dell’Università Palermo. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista Gut

Connettiti!