Emilia Università di Bologna

UNIBO – La protesi che rigenera tendini e legamenti lesionati

Nato all’Università di Bologna, è un dispositivo impiantabile di supporto che permette di riparare i tessuti danneggiati riportandoli alla loro struttura originale

Lo strumento – brevettato dall’Ateneo bolognese – consente di rigenerare un tendine o un legamento lesionato. Dopo essere stato impiantato in corrispondenza dell’area danneggiata, lo scaffold viene infatti colonizzato dalle cellule che riproducono così progressivamente il tessuto nella sua struttura originale.

Un dispositivo impiantabile che permette di sostituire (prima) e rigenerare (poi) il tessuto di un tendine o di un legamento danneggiato. È la nuova invenzione messa a punto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Bologna: un supporto – tecnicamente noto come scaffold – in grado di riprodurre le caratteristiche meccaniche, morfologiche e fisiologiche non solo del tessuto tendineo o legamentoso, ma potenzialmente anche di quello muscolare e nervoso

Nella forma messa a punto dai ricercatori, il dispositivo di supporto si degrada naturalmente lasciando così spazio ai tessuti rigenerati. Ma cambiando il materiale utilizzato, è possibile utilizzare la stessa tecnologia anche per produrre protesi non riassorbibili, in grado di sostituirsi definitivamente a tendini o legamenti non più riparabili.

FIBRE NANOMETRICHE Quello ideato dal gruppo di ricerca bolognese è un dispositivo, ad oggi unico al mondo, basato su un metodo di produzione innovativo. “Per realizzarlo abbiamo utilizzato la tecnologia dell’elettrofilatura – nota come electrospinning – che permette di produrre fibre di diametro nanometrico”, racconta Alberto Sensini, uno dei ricercatori coinvolti. “In questo modo siamo riusciti a realizzare un dispositivo in grado di simulare tutti gli elementi che compongono un tendine o un legamento umano”.

GLI AUTORI DELL’INVENZIONE Il dispositivo è stato messo a punto all’Università di Bologna da Alberto Sensini, Luca CristofoliniJuri Belcari e Andrea Zucchelli del Dipartimento di Ingegneria Industriale e da Chiara Gualandi e Maria Letizia Focarete del Dipartimento di Chimica “Giacomo Ciamician”. L’invenzione è stata brevettata dall’Università di Bologna con il titolo “Scaffold multiscala gerarchico elettrofilato per la rigenerazione e/o sostituzione del tessuto tendineo/legamentoso e metodo di produzione”.

A differenza del tessuto osseo, infatti, la struttura di tendini e legamenti è estremamente complessa, tanto che fino ad oggi nessuno era riuscito a riprodurla in modo così accurato. “La struttura del nostro scaffold riproduce fedelmente quella del tessuto tendineo e legamentoso umano, anche nelle sue proprietà meccaniche”, conferma Sensini. “Essendo poi biocompatibile, biodegradabile e riassorbibile, permette di riparare e ricostruire i tessuti lesionati, ripristinandone l’originale funzionalità”. Uno strumento che, come si può immaginare, potrà rivelarsi particolarmente utile sia in campo chirurgico che nel settore biomedicale.

UN PROTOTIPO AVANZATO La tecnologia messa a punto dai ricercatori dell’Università di Bologna è oggi in una fase avanzata di prototipo, anche grazie a collaborazioni con alcuni tra i massimi esperti internazionali nel campo della tomografia a raggi-X, come Gianluca Tozzi, direttore dello Zeiss Global Centre dell’Università di Portsmouth (Regno Unito), e delle colture cellulari, e Gwendolen Reilly dell’INSIGNEO – Institute for In Silico Medicine dell’Università di Sheffield (Regno Unito). Nei mesi scorsi, lo scaffold è stato presentato al Biovaria di Monaco di Baviera, evento internazionale che riunisce scienziati europei, professionisti del trasferimento tecnologico, investitori e rappresentanti dell’industria biofarmaceutica, ed ha riscosso molto interesse anche al World Congress of Biomechanics di Dublino.

Articoli Recenti: LiveUnict

Coronavirus, il Viminale chiarisce: “Sì a camminata genitore-figlio, ma vicino casa”

Coronavirus, il Viminale chiarisce: “Sì a camminata genitore-figlio, ma vicino casa”

Il Viminale ha confermato la possibilità per un genitore di fare una passeggiata con il figlio, ma con le dovute precisazioni.

Coronavirus in Sicilia, a Catania superati i 450 casi: i dati per provincia

Coronavirus in Sicilia, a Catania superati i 450 casi: i dati per provincia

Covid-19 in Sicilia: i dati relativi all’andamento del contagio nell’Isola aggiornati alla giornata di oggi, martedì 31 marzo, così come comunicati dalla Regione Siciliana.

Covid-19 in Italia, ancora 837 decessi: i dati odierni della Protezione Civile

Covid-19 in Italia, ancora 837 decessi: i dati odierni della Protezione Civile

Covid-19 in Italia: il numero di nuovi casi positivi nella conferenza stampa delle 18 della Protezione Civile.

Coronavirus, a Catania pacchi spesa per le famiglie in difficoltà: ecco come richiederli

Coronavirus, a Catania pacchi spesa per le famiglie in difficoltà: ecco come richiederli

Il Comune di Catania ha pubblicato sul suo sito il bando per la richiesta dei pacchi spesa per le famiglie in difficoltà.

Covid-19 in Sicilia, salgono ancora i contagi: i dati della Regione

Covid-19 in Sicilia, salgono ancora i contagi: i dati della Regione

Covid-19 in Sicilia: l’aggiornamento nel bollettino quotidiano della Regione per la giornata di oggi, martedì 31 marzo.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
Test Medicina, scoppia la bomba: “In mille connessi durante il test”

Non tardano ad arrivare le denunce per sospette irregolarità avvenute in sede d'esame per l'accesso al corso di laurea a...

Chiudi