Trentino Università di Trento

In 507 oggi alla Cerimonia di laurea questa mattina in Piazza Duomo

sdr

Le previsioni meteorologiche nei giorni scorsi avevano portato gli organizzatori a riprogrammare la cerimonia di laurea in forma ridotta. E così oggi la festa dei tocchi è durata appena mezz’ora rispetto al consueto paio di ore. Oltre a un minor numero di interventi sul palco, a rendere la cerimonia molto più breve è stata la decisione di consegnare il diploma di laurea al momento dell’accredito, invece che sul palco durante la cerimonia, chiamando ogni nominativo. La formula breve, però, non ha reso meno ufficiale il momento con la maggior parte di giovani che ha richiesto di immortalare il conferimento della pergamena con una foto nella sala degli Stucchi di Palazzo Sardagna, sede del Rettorato, e con la proclamazione e il lancio dei tocchi che in Piazza Duomo hanno sfidato la pioggia battente sostenuti dall’accompagnamento musicale eseguito dal vivo, con particolare vigore, dalla Corale Polifonica UniTrento e dal Gruppo Strumentale di Ateneo.
Nel saluto che il rettore Paolo Collini ha rivolto ai 507 giovani oggi presenti e ai loro parenti e amici un invito ad apprezzare il senso di unità di questa cerimonia, che avvicina famiglie, e comunità accademica. «La cerimonia di laurea è un’occasione per dare visibilità a un percorso di crescita personale per tanti giovani, un punto di arrivo e nuova partenza per la propria vita personale e professionale. Noi come università li abbiamo accompagnati in questo percorso e ora li incoraggiamo a essere protagonisti scrivendo la loro storia nella comunità» E poi, direttamente ai laureati: «Quelli all’Università sono anni in cui si cambia, si sperimentano relazioni, matura la propria partecipazione nella società. Sono anni in cui si acquisisce la capacità di stare al mondo e si gettano le basi per costruire la propria strada. Non rinunciate a fare la vostra parte, con entusiasmo e curiosità, non rinunciate a costruire il vostro percorso. Cercate di fare la differenza, perché un giorno, voltandovi indietro possiate dire di aver cambiato qualcosa nel mondo, anche solo una piccola cosa».
Nella cerimonia, organizzata dall’Università di Trento in collaborazione con il Comune di Trento e con la Provincia autonoma di Trento, il sindaco Alessandro Andreatta ha chiesto di usare al meglio il proprio bagaglio: «Ora per tutti voi inizia la fase delle scelte più libere, responsabili e difficili. Vi esorto a essere curiosi e creativi, a non accontentarvi. Cercate il vostro ruolo nella società e non fatevi rubare la speranza e il coraggio di cambiare le cose. Sono contrario al cambiare per cambiare, ma favorevole al cambiare per migliorare. Come ha detto Bob Dylan, “essere giovani vuol dire tenere aperto l’oblò della speranza, anche quando il mare è cattivo e il cielo si è stancato di essere azzurro”».
Quindi un grazie: «Se Trento è migliorata in questi ultimi lustri, se è diventata più aperta e accogliente, lo dobbiamo anche a voi e alla vostra vivacità intellettuale».
Ha preso, poi, la parola Valerio Valentini, laureato in Lettere moderne a UniTrento nel 2015, scrittore e giornalista, vincitore del Premio Campiello 2018 nella sezione Opera Prima col romanzo “Gli 80 di Camporammaglia”. Non ha nascosto l’imbarazzo di essere stato invitato a fare un discorso motivazionale: «Se c’è una cosa che ricordo bene, degli anni universitari, è proprio l’insofferenza, per non dire di peggio, nei confronti di chi, dall’alto del suo più o meno evidente successo, veniva a predicare ottimismo e a dispensare speranza».
Ha raccontato l’approdo al Collegio Bernardo Clesio, gli anni di studio a Trento, l’Erasmus a Parigi, la passione per il giornalismo (che è diventato il suo lavoro) e la narrativa (che gli ha fatto vincere una sezione del premio Campiello).
«Credo davvero di essere stato fortunato a incontrare qui certi professori. Molto della nostra vita dipende dalla qualità degli incontri che si fanno, specie se li si fa nel momento più propizio: e io i libri che mi ha consigliati il professor Comboni, ad esempio, credo che li abbia letti proprio quando avevo inconsapevolmente voglia di leggerli. Proprio quelli. Il modo di intendere la letteratura, direi l’arte in generale, che mi ha trasmesso il professor Giunta, penso mi abbiano cambiato la vita».
Ha confidato: «Quel poco che sono riuscito a combinare, fin qua, è stato quasi sempre dovuto alla volontà di aggirare un divieto, un ostacolo, un intoppo: più per disperazione, credo, che non per caparbietà».
«Quel grosso rognoso intralcio che è il futuro davanti a voi, davanti a noi, forse è bene prenderlo di petto. L’idea di farlo proprio mentre tante certezze che sembravano granitiche, nel nostro vivere collettivo, vengono meno, è più angosciante e più stimolante allo stesso tempo, credo» ha concluso.
Dopo di lui è intervenuto Simone Amadori come miglior laureato tra chi partecipava alla settima cerimonia di laurea, che all’Università di Trento ha frequentato il corso di Studi Internazionali con sei mesi di Erasmus a Praga e ora è studente di laurea magistrale a Bologna: «Studiare a Trento mi ha fatto cambiare idea un centinaio di volte sul mondo e mi ha fatto ripensare altrettante volte alla strada che volevo seguire. Certo, a volte mi sono sentito sprofondare nella confusione, ma ognuno di questi stravolgimenti è stato un passo di un bellissimo percorso che mi ha insegnato ad essere critico, curioso e aperto verso il nuovo».
Per lui l’esperienza universitaria è stata decisiva: «Dico grazie all’Università che mi ha aperto le porte di quella che sarà la mia vita. Ringrazio la mia famiglia, i professori e tutte le persone che hanno voluto darmi una mano a raggiungere questo traguardo, oltre che tutti quegli ostacoli e quelle sfide che mi hanno portato qui oggi, sereno e senza rimpianti, felice di dirmi laureato a Trento».
I laureati e le laureate di questa edizione hanno conseguito il titolo tra luglio e settembre 2018 nei corsi di laurea di I livello dei Dipartimenti: CIBIO; Economia e Management; Fisica; Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica; Ingegneria Industriale; Ingegneria e Scienza dell’Informazione; Lettere e Filosofia; Matematica; Psicologia e Scienze cognitive; Sociologia e Ricerca Sociale. Con loro anche laureati e laureate del Collegio Bernardo Clesio.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
Ora legale ottobre 2018: quando cambia, data e a che ora

Nella notte tra sabato 27 ottobre e domenica 28 ottobre dovremo spostare le lancette dei nostri orologi indietro di un'ora....

Chiudi