Università

Università, aumentano assunzioni docenti soprattutto al Nord

Con nuovo decreto firmato dal ministro Bussetti si tenta una crescita delle assunzioni di docenti: più l'ateneo è meritevole, più saranno i posti a disposizione.

Il ministro dell’Istruzione Bussetti ha firmato un decreto destinato a cambiare le realtà di numerosi atenei italiani. Si tenterà di attivare quel meccanismo volto a rimpiazzare i docenti in quiescenza e assumerne di nuovi. La disposizione, tuttavia, non è rivolta a ciascuna università ma fortemente basata sulla meritocrazia.

Esaminando i dati contenuti nella tabella allegata al decreto, infatti, emerge che nel 2019 saranno soprattutto gli atenei settentrionali, considerati i “migliori”, ad avere la facoltà di assumere di più.

Le università del Meridione che stentano a correggere difetti e sistemare conti dovranno invece accontentarsi: più della metà di queste potrà invece effettuare un turnover solo parziale, perché hanno ancora troppi docenti alle proprie dipendenze.

Fissando come parametri la spesa per il personale (inferiore all’80% del totale) e un indicatore di sostenibilità economico-finanziaria superiore a 1,  vengono etichettati come adeguati solo 36 su 63 atenei ed il 73% dei considerati sono concentrati al Nord Italia, il 50% ubicati nelle regioni centrali e solo il 48% localizzati al Sud. In fondo alla classifica si colloca l’università del Salento mentre risulterebbe l’ateneo di Chieti-Pescara il più virtuoso al Sud: potrà assumere il doppio dei propri pensionati.

 “Dopo molti anni – dichiara Bussetti – si inverte la rotta: le assunzioni torneranno a crescere e non ci si limiterà al solo ripristino del turnover. Consentire nuove assunzioni è importante per garantire la qualità dell’offerta formativa delle nostre università”.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
Discorso di fine anno di Mattarella: boom sui social e oltre 10 mln di ascoltatori [VIDEO]

Quest'anno il tradizionale discorso del presidente Mattarella ha registrato un notevole seguito: trattati molti temi attuali per l'Italia.

Chiudi