Università di Pavia

Prof. va in pensione e lascia 250mila euro ai ricercatori dell’università

La direttrice del dipartimento di biologia e biotecnologie "Spallanzani" di Pavia conclude 40 anni di carriera con un bellissimo gesto, finanziando la ricerca dei colleghi più giovani.

Il dipartimento di biologia e biotecnologie “Spallanzani” dell’Università di Pavia ha salutato la propria direttrice, la professoressa Alessandra Albertini, andata in pensione di recente. Il regalo d’addio della direttrice è stato un contributo generoso alla ricerca.

La professoressa, dopo 40 anni di onorata carriera, ha versato 250mila euro, da utilizzare entro il 2023, per cofinanziare posizioni per ricercatori a tempo indeterminato e assegnatisti di ricerca. La scelta della professoressa Albertini, rappresenta un’eredità importante per i colleghi più giovani, consentendo loro di lavorare in condizioni meno precarie. “Quando io sono entrata nella carriera accademica, allora si diventava docenti prima dei 34 anni. Adesso vi sono bravi scienziati che a 50 anni lottano ancora per una cattedra stabile: lo trovo ingiusto e grave”, queste sono le parole rilasciate dalla docente in pensione.

In un mondo accademico dove i finanziamenti scarseggiano, la generosità di persone più fortunate, o con alle spalla una carriera autorevole si dimostra un esempio di senso civico da seguire. Sicuramente i colleghi del dipartimento non dimenticheranno il lascito della direttrice, sperando che serva d’esempio per dei finanziamenti più numerosi verso tutti i campi della ricerca.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
Concorsi pubblici all’Università: 4 bandi per amministrativi e tecnici

L'università assume: sono disponibili quattro posizioni in diverse aree tecniche e amministrative. Ecco i requisiti per l'accesso al concorso e...

Chiudi