Attualità

Pro e contro dell’uso di criptovalute per pagare le tasse universitarie

Alcuni studenti stanno iniziando ad utilizzare le criptovalute, valute digitali o virtuali che utilizzano la crittografia per ragioni di sicurezza, per pagare l’università e per questo motivo, aumenta l’interesse nel valore del Bitcoin sul lungo periodo. Infatti, alcune scuole stanno iniziando ad accettare il Bitcoin per pagare le lezioni. Nel 2014, il King’s College di New York è diventato il primo istituto degli Stati Uniti a concedere pagamenti tramite valuta digitale (fonte TKC). Da allora, altre scuole internazionali hanno seguito lo stesso esempio.

Il Bitcoin è una valuta digitale che viene scambiata da banche o governi; questa valuta può essere convertita in denaro, se depositata in conti a prezzi stabiliti nel trading online.

Nel dicembre del 2017, il valore del Bitcoin ha raggiunto quasi i 20.000$, ovvero circa 2.000$ in più rispetto al costo di frequenza tipo di uno studente a tempo pieno per una università nel biennio 2017/18. Sebbene da allora il valore delle criptovalute sia crollato, l’interesse nel loro valore resta molto elevato, specialmente tra gli studenti universitari.

Inoltre, gli studenti possono utilizzare questa nuova tipologia di valuta, per pagare i costi dell’università, anche se la loro scuola non accetta questo tipo di denaro per i pagamenti.

Ad esempio, è possibile investire in queste valute e incassare il denaro nel momento in cui arriva la retta universitaria. Tutto sommato, sono proprio le scuole ad aspettarsi tutto questo, facendo affidamento sugli investimenti familiari e non sulla sola forza lavoro dello studente.

Ma questa può essere definita come una scelta intelligente? Di certo, ci sono pro e contro. Benefici e svantaggi, che si possono applicare anche per la maggior parte degli investimenti che non coinvolgono il risparmio di denaro per il pagamento delle tasse universitarie.

Una volta ottenuto un prestito per gli studenti, molti si chiedono se pagare subito il debito universitario o investire per il futuro. Si tratta di una scelta molto importante e che non può essere sottovalutata.

La considerazione chiave da fare, è il rendimento della valuta sul lungo termine. Per un prestito studentesco con un tasso d’interesse fisso, il rendimento è chiaro; ad esempio, mettiamo caso che la scuola possegga circa 37.000$ in prestiti per studenti. Con un tasso d’interesse fisso del 6,8%, il rimborso per quei cinque anni di prestiti potrà diminuire l’interesse totale da 14.096$ a 6.749$. Questi risparmi sono concreti e puoi calcolarli prima di prendere in prestito qualcosa.

Questi numeri diventano più oscuri per gli investimenti in generale, che comportano certi rischi. Il tuo investimento può guadagnare valore, ma è possibile anche perdere parte o tutto ciò che investi, soprattutto con un qualcosa di così volatile come la criptovaluta.

Il prezzo del Bitcoin, ad esempio, ha subito pesanti fluttuazioni durante gli ultimi anni. Rispetto ai suoi massimi, oggi il valore di un Bitcoin è diminuito di un quinto (fonte Wired). Se avessi dirottato i soldi della retta sulla criptovaluta nel momento del suo massimo splendore, oggi avresti perso parecchi soldi. Non sarà sempre così, ma certamente bisogna fare molta attenzione quando si sceglie di investire i propri soldi in Bitcoin.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
Viaggi da sola? A Roma un fidanzato in affitto per foto perfette

Vacanza da single? A Roma un fidanzato in affitto garantirà delle foto perfette da sfoggiare sul proprio profilo Instagram.

Chiudi