Attualità

Università, arriva in Italia la laurea per diventare influencer: ironia sui social

Influencer? Adesso anche in Italia esiste un corso di laurea che rilascia il titolo adatto a intraprendere questa carriera e farne un lavoro a tempo pieno.

Un profilo professionale sempre più sviluppato e ammirato da tanti giovani che vogliono intraprendere questa carriera: l’influencer è ormai una realtà del mondo quotidiano. E come le altre professioni, anche quest’ultima necessita di una formazione di alto livello. Nasce a questo scopo il primo corso di laurea per diventare influencer in Italia.

Influencer: il corso di studi

In realtà non si tratta del primo caso: già l’anno scorso era stato lanciato un corso simile dall’Università Autonoma di Madrid con il nome di “Intelligence Influencers: Fashion & Beauty”. Tuttavia, quello attivato dall’Università e-Campus è il primo in Italia. Si tratterà di un percorso inserito all’interno della laurea triennale in Scienze della Comunicazione, legato al mondo dei digital media e del marketing di ultima generazione. L’intento di e-Campus è quello di fornire una formazione al momento inesistente per la carriera di influencer, anche se non è ancora ufficialmente riconosciuta come professione.

Materie

Il corso di studi dura tre anni e punta su materie dell’ambito del marketing e della comunicazione. Sono quindi presenti discipline quali semiotica, etica della comunicazione e informatica, senza tralasciare le lingue, le diverse sociologie e elementi di diritto.

Inoltre, l’ultimo anno si da spazio a laboratori tematici legati alla scrittura e allo studio dell’immagine. Tra le materie a scelta dello studente sono presenti anche discipline che affrontano temi di giornalismo, gestione delle imprese, marketing e telecomunicazioni.

Professione Influencer: i social si scatenano

Al giorno d’oggi quest’offerta formativa potrebbe interessante molti giovani, ispirati dall’esempio di personaggi già noti come Chiara Ferragni. Tuttavia occorre ricordare che quella dell’influencer non è una professione ufficialmente riconosciuta e regolamentata in Italia. Invece, negli altri paesi sono molto ricercate le figure che possiedono queste skills, per impieghi nelle agenzie pubblicitarie e simili.

Tuttavia, questa notizia è stata accolta con molta ironia sui social. In molti hanno espresso commenti negativi a riguardo, chiedendosi se sia realmente necessario un corso di laurea per diventare influencer. In effetti, i maggiori influencer italiani non hanno seguito degli studi specifici per intraprendere questa professione. Un esempio tra tanti Chiara Ferragni che ha studiato Giurisprudenza senza completare gli studi ma è ugualmente diventata una famosissima web star. Non è dato sapere quale evoluzione possa prendere questa professione nel nostro paese, ma è evidente che si tratta di una vera realtà. Che poi si raggiungano i risultati della Ferragni è tutto da vedere.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
“Rientra a lavoro e ti faranno morire”: la storia di Chiara, isolata per una gravidanza

La storia di Chiara, isolata dall'azienda in cui lavorava da 15 anni per aver continuato a lavorare malgrado la seconda...

Chiudi