Università

Si laurea di mattina, muore nella notte: tragedia per uno studente

Il giorno della laurea si tramuta in una tragedia: dolore e sgomento accompagnano la morte di uno studente di Giurisprudenza, morto dopo i festeggiamenti.

La fine della carriera universitaria, specialmente una così lunga come quella di Giurisprudenza, è una gioia per tutti. Si invitano i parenti, si fa una festa grande: inizia una nuova vita, piena di grandi possibilità per il futuro. Probabilmente, come per gli altri, uno splendido momento lo è stato anche per lo studente 34enne, fuori sede calabrese, che ha ottenuto l’ambito titolo a Ferrara ieri mattina. Una felicità immensa che però si è trasformata in una tragedia immane: il giovane, infatti, dopo aver festeggiato la laurea, è deceduto durante la scorsa notte.

La chiamata d’emergenza è arrivata all’alba: per il 34enne, che dormiva a casa di un amico, non c’è stato però nulla da fare. Un malore l’ha stroncato poco prima delle tre di notte. Sulle cause ora indagano carabinieri, sanitari e medici legali; dalle prime ricostruzioni, sembrerebbe che il neolaureato sia stato colpito da una crisi respiratoria, che non gli avrebbe lasciato scampo.

Ulteriori chiarimenti deriveranno dall’autopsia, disposta assieme ad un esame tossicologico. Vi è, infatti, il sospetto che la morte sia stata causata da un mix di alcol e stupefacenti, di cui il 34enne avrebbe fatto uso durante i festeggiamenti con gli amici. In attesa di maggiori notizie, intanto, sono stati chiamati i parenti.

I familiari del laureato, infatti, sono calabresi, ed erano già tornati a casa dopo la cerimonia; dovranno tornare nuovamente a Ferrara, ma non più per prendere parte ad un momento felice. Gli inquirenti sapranno dare maggiori risposte; nel frattempo, si piange la scomparsa di un giovane con tutta una nuova vita davanti, che ha potuto godere del momento tanto atteso dagli studenti, solamente per un giorno.

Articoli Recenti: LiveUnict

Coronavirus, il Viminale chiarisce: “Sì a camminata genitore-figlio, ma vicino casa”

Coronavirus, il Viminale chiarisce: “Sì a camminata genitore-figlio, ma vicino casa”

Il Viminale ha confermato la possibilità per un genitore di fare una passeggiata con il figlio, ma con le dovute precisazioni.

Coronavirus in Sicilia, a Catania superati i 450 casi: i dati per provincia

Coronavirus in Sicilia, a Catania superati i 450 casi: i dati per provincia

Covid-19 in Sicilia: i dati relativi all’andamento del contagio nell’Isola aggiornati alla giornata di oggi, martedì 31 marzo, così come comunicati dalla Regione Siciliana.

Covid-19 in Italia, ancora 837 decessi: i dati odierni della Protezione Civile

Covid-19 in Italia, ancora 837 decessi: i dati odierni della Protezione Civile

Covid-19 in Italia: il numero di nuovi casi positivi nella conferenza stampa delle 18 della Protezione Civile.

Coronavirus, a Catania pacchi spesa per le famiglie in difficoltà: ecco come richiederli

Coronavirus, a Catania pacchi spesa per le famiglie in difficoltà: ecco come richiederli

Il Comune di Catania ha pubblicato sul suo sito il bando per la richiesta dei pacchi spesa per le famiglie in difficoltà.

Covid-19 in Sicilia, salgono ancora i contagi: i dati della Regione

Covid-19 in Sicilia, salgono ancora i contagi: i dati della Regione

Covid-19 in Sicilia: l’aggiornamento nel bollettino quotidiano della Regione per la giornata di oggi, martedì 31 marzo.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
Poste Italiane, falso SMS per rubare dati ai clienti: cos’è la truffa del “pishing”

Poste Italiane mette in guardia i suoi clienti da SMS fraudolenti che richiedono informazioni di credito personali: la pratica del...

Chiudi