Notizie universitarie » Emilia » Università di Parma » Coronavirus: l’Università di Parma sospende le attività didattiche
Emilia Università di Parma

Coronavirus: l’Università di Parma sospende le attività didattiche

L’Università di Parma, in considerazione dell’evoluzione del fenomeno epidemico legato al diffondersi dell’infezione Coronavirus COVID-19, in accordo con il Ministero dell’Università e della Ricerca, con la Regione Emilia-Romagna e con le altre Università della Regione, dispone quanto segue al fine di ridurre le possibilità di contagio e agevolare gli studenti che abbiano difficoltà di spostamento: sospensione delle attività didattiche (lezioni, tirocini interni, esami di profitto e sedute di lauree) da lunedì 24 febbraio a venerdì 28 febbraio 2020 compresi, presso tutte le sedi dell’Ateneo (comprese le attività didattiche svolte presso le strutture sanitarie situate in provincia di Piacenza), con garanzia che date e scadenze del calendario accademico saranno adeguate di conseguenza.

Si precisa che le altre attività dell’Ateneo continueranno regolarmente e che tutti gli uffici e le strutture rimarranno aperti secondo gli orari programmati.

L’Università invita, inoltre, ad adottare un comportamento responsabile seguendo le indicazioni emanate dal Ministero della Salute, dall’Istituto Superiore di Sanità e dalla Regione Emilia-Romagna.

In particolare, si riprendono le seguenti misure di contenimento, riportate anche nelle Ordinanze del Ministero della Salute:

  • quarantena con sorveglianza attiva, per giorni quattordici, agli individui che abbiano avuto contatti stretti con casi confermati di infezione Coronavirus COVID-19;
  • permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva per coloro che, negli ultimi quattordici giorni, abbiano fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato nelle aree della Cina interessate dall’epidemia;
  • sospensione delle attività lavorative per i residenti nei Comuni colpiti dal virus individuati da parte delle Autorità competenti, anche se svolte in località differenti rispetto a quella di residenza. Al momento, si tratta dei comuni lombardi di Codogno, Castiglione d’Adda, Casalpusterlengo, Fombio, Maleo, Somaglia, Bertonico, Terranova dei Passerini, Castelgerundo, San Fiorano, e del comune veneto di Vo’ Euganeo;
  • indicazione di contattare il numero verde 1500 in presenza di possibili sintomi d’infezione.

Queste indicazioni sono funzionali a evitare la diffusione del virus. L’Ateneo invita la comunità accademica alla collaborazione, e rimane a disposizione per ogni necessità provvedendo con tempestività a comunicare ogni aggiornamento utile.

La comunicazione di sospensione è stata inviata oggi per e-mail e via social agli studenti e al personale docente e tecnico amministrativo dal Rettore Paolo Andrei.

Articoli Recenti: LiveUnipa

Unipa, coordinamento del distretto della Frutta Secca di Sicilia

Unipa, coordinamento del distretto della Frutta Secca di Sicilia

L’Università degli Studi di Palermo coordinerà il nuovo Distretto Produttivo della Frutta Secca di Sicilia, che coinvolge cento imprese del settore.

Connettiti!