Emilia Università di Bologna

UNIBO – Vietato parlare male dell’università sui social network

130246731-67f96e2a-65d8-4742-8447-662d59422107Nell’era della comunicazione, dove tutto viene condiviso e twittato in tempo reale, l’Università di Bologna ha redatto un nuovo codice etico, dove invita studenti e professori a “evitare di diffondere informazioni, testi o immagini che possono nuocere al prestigio dell’università”, le nuove regole di ateneo saranno in vigore dal 1° novembre.

Gli studenti accusano il rettore di violare la libertà di parola e il Collettivo universitario autonomo (Cua) ha esposto uno striscione all’ingresso del rettorato: “Codice etico: codice dell’ipocrisia. A parlare dell’università siano gli studenti”. Il malumore, però, non è solo da parte degli studenti anche qualche docente non nasconde il disappunto nei confronti di un articolo che, dicono, “non fermerà i ragazzi dal criticare l’ateneo”.

Dal rettorato assicurano che non è nelle loro intenzioni censurare la libertà di parola o pensiero, l’articolo del codice è più un invito a essere responsabili sui social network; questa risposta, ovviamente, non convince il collettivo studentesco, il quale ribadisce la volontà di portare avanti le problematiche e le necessità degli studenti.

E se anche l’Università di Catania adottasse un codice etico simile? Se gli studenti non potessero più parlare dei loro problemi sui social network? Quale sarebbero le conseguenze?
Oggi i social network, soprattutto facebook, sono diventati di vitale importanza per gli studenti universitari, non tanto per criticare i mille problemi di ateneo, ma sono per lo più strumenti di confronto, sostegno,ricerca di appunti e molto altro. In un sistema universitario sempre più confinario, i vari social network sembrano essere l’unico modo per riuscire a reperire informazioni e sopravvivere a questa giungla chiamata:università.

Articoli Recenti: LiveUnict

A Catania si consegnano pacchi spesa: 2000 le domande inviate

A Catania si consegnano pacchi spesa: 2000 le domande inviate

Quasi 2.000 domande per i pacchi spesa destinati a coloro che si trovano in difficoltà durante l’emergenza sanitaria; la metà già consegnati.

Coronavirus, buone notizie dal Cannizzaro: altri 4 dimessi

Coronavirus, buone notizie dal Cannizzaro: altri 4 dimessi

Al Cannizzaro di Catania altri 4 pazienti sono stati dimessi dall’ospedale e 2 estubati nelle ultime 24 ore.

LiveUnipa: LiveUniPA

Coronavirus, Musumeci firma ordinanza: “Quarantena per chi arriva dalle zone rosse”

Coronavirus, Musumeci firma ordinanza: “Quarantena per chi arriva dalle zone rosse”

«Chi sbarca in Sicilia, con qualsiasi mezzo, provenendo dalle zone rosse del Nord, ha il dovere di informare il medico di base e porsi in autoisolamento». Lo impone un’ordinanza firmata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e in fase di notifica ai nove prefetti, ai questori ed ai 390 sindaci dell’Isola. Nella sua ordinanza, il governatore […]

Classifica ARWU, Unipa in crisi: per la prima volta oltre il 600° posto

Classifica ARWU, Unipa in crisi: per la prima volta oltre il 600° posto

Palermo registra un calo e scende oltre il 600° posto nella classifica delle migliori università del mondo.

Connettiti!