Notizie universitarie » Lombardia » Università di Pavia » UNIPV – JobPricing: dall’Università di Pavia i laureati con gli stipendi più alti
Università di Pavia

UNIPV – JobPricing: dall’Università di Pavia i laureati con gli stipendi più alti

Università di Pavia – L’Università di Pavia è il primo Ateneo pubblico nella classifica stilata da JobPricing con Repubblica.it sul valore del titolo di studio nel mercato del lavoro italiano: nella graduatoria Pavia è quarta dopo le Università LUISS, Bocconi e Cattolica del Sacro Cuore.

University Report 2014, si legge nella presentazione, «è uno studio sul valore delle università e dei livelli di istruzione effettuato a partire dal Database di JobPricing. Il Report contiene una serie di analisi mirate a verificare se esistono delle correlazioni fra livello di istruzione, università frequentata, stipendio e carriera lavorativa».

Tra i dati emersi, nella classifica che evidenzia la retribuzione media per età anagrafica nelle singole Università, i laureati pavesi guadagnano 34.199€ nella fascia 25-34 anni, in quella 35-44 55.073€ mentre dai 45 a 54 anni 86.849€. Con una variazione del 154%.

«Siamo orgogliosi di interpretare al meglio la funzione di università pubblica: quello di permettere di acquisire un robusto bagaglio professionale anche a quanti non possono o non ritengono di pagare tasse universitarie elevate (fino a tre o quattro volte più alte). E’ un risultato tanto più interessante perché l’Università di Pavia non è concentrata solo su percorsi formativi con attese di remunerazione alta, ma anche su ambiti professionali i cui redditi attesi sono a volte anche modesti» ha dichiarato il Rettore Prof. Fabio Rugge a La Provincia Pavese del 9 ottobre 2014.

Articoli Recenti: LiveUnipa

Palermo – Reddito di cittadinanza, il comune avvia tirocini formativi

Palermo – Reddito di cittadinanza, il comune avvia tirocini formativi

413 tirocini professionalizzanti attivati dal Comune di Palermo per altrettanti percettori del Reddito di cittadinanza, grazie ai fondi del PON Inclusione, per circa 2,5 milioni di euro.

Connettiti!