Scuola

Salvini propone grembiule a scuola: per il ministro Bussetti è sì

La proposta del vicepremier Salvini di reintrodurre il grembiule a scuola è stata appoggiata dal ministro dell'istruzione Bussetti, per favorire l'inclusione sociale.

È stato un tema lanciato a gennaio, poi ripreso a marzo e ribadito all’inizio del mese di maggio: così il ministro dell’Interno e vice-premier Matteo Salvini propone di reintrodurre l’obbligo dei grembiuli a scuola. Una proposta che divide l’opinione pubblica e che può contare sull’appoggio favorevole del ministro dell’Istruzione Marco Bussetti.

Infatti, il ministro Bussetti ha subito dichiarato di condividere l’idea del segretario della Lega, sostenendo che indossare i grembiuli vada a favore dell’inclusione sociale e dell’uguaglianza per gli alunni in classe, così da farli sentire a proprio agio. Dello stesso avviso è anche il ministro Salvini, il quale vorrebbe ristabilire l’obbligo dei grembiuli per favorire la parità tra gli alunni, evitando così la differenza che potrebbe scaturire dai vari indumenti che gli scolari indossano.

Di tutt’altra opinione è la Cgil. Il sindacato, infatti, ha espresso la propria preoccupazione per le dichiarazioni dei ministri Salvini e Bussetti, criticando l’idea di una “scuola-caserma”. Inoltre, la Cgil si rivolge direttamente al vice-premier, sostenendo che le distanze sociali vanno combattute con una scuola più uguale, inclusiva, accessibile a tutti fin dall’infanzia (bocciando completamente la funzione dei grembiuli).

Articoli Recenti: LiveUnict

La Regione stanzia 7 milioni per gli studenti fuorisede: li erogheranno gli ERSU

La Regione stanzia 7 milioni per gli studenti fuorisede: li erogheranno gli ERSU

Il presidente della Regione Siciliana annuncia un fondo complessivo di 7 milioni di euro per aiutare gli studenti fuorisede: a occuparsi dell’erogazione saranno gli Enti Regionali per il diritto allo Studio Universitario.

Tradizioni pasquali, “La Diavolata” di Adrano: un dramma ricco di storia

Tradizioni pasquali, “La Diavolata” di Adrano: un dramma ricco di storia

Si avvicina anche quest’anno la festività di Pasqua. La quarantena costringe tutti a rinunciare alle proprie tradizioni, in questo momento ancora più importanti da ricordare. Tra queste, una delle più tipiche nella provincia etnea è la “Diavolata” di Adrano: una tradizione secolare che continua a catturare gli spettatori di anno in anno.

Connettiti!