Scuola

Scuola, diplomi a 3.000 euro e senza esami: indagini in tutta Italia

I diplomi a pagamento sarebbero stati rilasciati da scuole del Salernitano, falsificando i verbali di esami mai realmente avvenuti.

Il modus operandi è il consueto: falsificare la documentazione per rilasciare titoli di studio mai conseguiti. È quanto emerso dall’indagine nel Salernitano, dove sarebbe stato scoperto un giro d’affari per milioni di euro. Al costo di appena tremila euro, infatti, alcune scuole davano la possibilità di ottenere diplomi a pagamento senza sostenere gli esami.

L’indagine su oltre quaranta province italiane ha portato a scoperchiare il vaso di Pandora dei diplomi a pagamento con base nel Salernitano. L’indagine della Procura di Vallo della Lucania, infatti, ha portato a galla un sistema collaudato per falsificare la documentazione e rilasciare falsi titoli di studio.

Soprattutto a Catellabate, in provincia di Salerno, alcuni istituti scolastici si sarebbero dati da fare per “semplificare” l’ottenimento dei diplomi. Si procedeva, quindi, alla falsificazione di verbali di esami mai realmente avvenuti e al rilascio delle pergamene di diploma al contro di circa tremila euro.

A insospettire particolarmente gli investigatori sarebbe stata una sessione d’esame in cui si sarebbero presentati addirittura ben trecento, tutti ovviamente idonei e diplomati. A essere sotto la lente d’ingrandimento da parte della Procura non sarebbe, comunque, solo il Salernitano. Sorvegliate speciali, infatti, anche le province di Caserta, Napoli, Avellino, Benevento, Udine, Biella, Vicenza, Verona, Torino, Brescia, Asti, Lecco, Mantova, Novara, Varese, Milano, Monza, Como, Imola, Bologna, Bergamo, Genova, La Spezia, Parma, Reggio Emilia, Modena, Lucca, Perugia, Cuneo, Chieti, Firenze, Prato, Roma, Viterbo, Potenza, Cosenza, Reggio Calabria, Trapani, Cagliari, Latina e Rieti.

 

Articoli Recenti: LiveUnict

Coronavirus, il Viminale chiarisce: “Sì a camminata genitore-figlio, ma vicino casa”

Coronavirus, il Viminale chiarisce: “Sì a camminata genitore-figlio, ma vicino casa”

Il Viminale ha confermato la possibilità per un genitore di fare una passeggiata con il figlio, ma con le dovute precisazioni.

Coronavirus in Sicilia, a Catania superati i 450 casi: i dati per provincia

Coronavirus in Sicilia, a Catania superati i 450 casi: i dati per provincia

Covid-19 in Sicilia: i dati relativi all’andamento del contagio nell’Isola aggiornati alla giornata di oggi, martedì 31 marzo, così come comunicati dalla Regione Siciliana.

Covid-19 in Italia, ancora 837 decessi: i dati odierni della Protezione Civile

Covid-19 in Italia, ancora 837 decessi: i dati odierni della Protezione Civile

Covid-19 in Italia: il numero di nuovi casi positivi nella conferenza stampa delle 18 della Protezione Civile.

Coronavirus, a Catania pacchi spesa per le famiglie in difficoltà: ecco come richiederli

Coronavirus, a Catania pacchi spesa per le famiglie in difficoltà: ecco come richiederli

Il Comune di Catania ha pubblicato sul suo sito il bando per la richiesta dei pacchi spesa per le famiglie in difficoltà.

Covid-19 in Sicilia, salgono ancora i contagi: i dati della Regione

Covid-19 in Sicilia, salgono ancora i contagi: i dati della Regione

Covid-19 in Sicilia: l’aggiornamento nel bollettino quotidiano della Regione per la giornata di oggi, martedì 31 marzo.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
La sigaretta elettronica fa meno male: uno studio italiano lo dimostra

Una ricerca italiana condotta dalla Sapienza ha confermato che le sigarette elettroniche sono meno dannose delle sigarette normali.

Chiudi