Università Gabriele D'Annunzio

Invita amici e parenti alla laurea, ma l’aula è chiusa: era tutto falso

Close up image of graduating student hand accepting diploma against against white background
Una studentessa di farmacia dell'Università di Chieti ha organizzato una festa di laurea "molto particolare", per la sorpresa arrivata a genitori e parenti. Ecco come è andata.

Un’incredibile storia ci arriva dall’Università di Chieti dove una laureanda, anzi, un’aspirante laureanda in farmacia, aveva invitato tutti i parenti e gli amici alla discussione della tesi e poi al ristorante, per festeggiare il felice evento. Peccato che era riuscita a dare soltanto alcuni dei 30 esami necessari per raggiungere l’ambito traguardo.

Ad ogni modo, la studentessa ha mentito a tutti, dicendo di essere ormai prossima alla laurea. Al punto, anche, da stampare e rilegare la tesi. La mattina della presunta laurea, accompagnata da genitori, amici e parenti, l’aula per la discussione era chiusa. La giovane, a quel punto, si è persino lamentata per la dimenticanza. La madre ha addirittura chiamato il personale dell’ateneo abruzzese, chiedendo di procedere con la cerimonia.

La farsa non poteva durare ancora a lungo, fino a quando la studentessa non ha potuto negare l’evidenza, davanti a tutti gli invitati. Quella mattina non poteva esserci nessuna discussione della tesi, dato la mancanza di voti negli esami da sostenere.

“Smascherata”, i genitori, gli amici e i parenti sono tornati a casa delusi, sia per la mancanza della cerimonia di laurea che del banchetto prenotato presso un ristorante vicino. Con buona pace dei titolari.

Articoli Recenti: LiveUnict

La Regione stanzia 7 milioni per gli studenti fuorisede: li erogheranno gli ERSU

La Regione stanzia 7 milioni per gli studenti fuorisede: li erogheranno gli ERSU

Il presidente della Regione Siciliana annuncia un fondo complessivo di 7 milioni di euro per aiutare gli studenti fuorisede: a occuparsi dell’erogazione saranno gli Enti Regionali per il diritto allo Studio Universitario.

Tradizioni pasquali, “La Diavolata” di Adrano: un dramma ricco di storia

Tradizioni pasquali, “La Diavolata” di Adrano: un dramma ricco di storia

Si avvicina anche quest’anno la festività di Pasqua. La quarantena costringe tutti a rinunciare alle proprie tradizioni, in questo momento ancora più importanti da ricordare. Tra queste, una delle più tipiche nella provincia etnea è la “Diavolata” di Adrano: una tradizione secolare che continua a catturare gli spettatori di anno in anno.

Connettiti!