Scuola

Coronavirus: Conte valuta chiusura totale delle scuole

L'emergenza Coronavirus continua a preoccupare il Governo Conte, che non esclude la chiusura totale delle scuole su parere degli esperti.

L’emergenza Coronavirus continua a preoccupare il Paese al punto da costringere il Governo a pensare misure eccezionali per il contrasto all’epidemia. Tra queste, il Premier Conte non esclude la sospensione di tutte le manifestazioni sportive e la chiusura totale delle scuole.

L’epidemia sta letteralmente mettendo al collasso l’economia del paese, mentre le strutture sanitarie rischiano di non riuscire a fronteggiare la situazione. Per questa ragione a Palazzo Chigi Conte ha incontrato i ministri per un confronto, invitando tutte le forze politiche a mantenere un fronte unito. Sono molte le proposte per contenere il Coronavirus ed evitare un contagio massivo su tutto il territorio.

Coronavirus, scuole chiuse in tutta Italia e stop a eventi sportivi

A non escludere l’eventualità della chiusura totale delle scuole in tutto il Paese è Giuseppe Conte. “Non possiamo escludere in assoluto- ha dichiarato il Premier- la chiusura totale, anche se non è stata ancora chiesta dagli scienziati“. Se gli esperti dovessero manifestare serie preoccupazioni in merito al contagio, il Governo non esiterebbe a imporre lo stop delle lezioni in tutta Italia.

A rischio sospensione anche tutte le manifestazioni sportive in programma, compreso il campionato e tutte le partite di calcio. In questo caso “sarà la Lega Calcio– ha continuato Contea decidere se giocare a porte chiuse oppure rinviare tutte le partite“.

Emergenza epidemia, tra le priorità il potenziamento degli ospedali

A destare seri timori è, inoltre, il sistema sanitario, che potrebbe non riuscire a ovviare all’emergenza. Il rischio collasso, infatti, sembra più vicino di quanto sperato, a causa della carenza di posti letto e di personale medico. Particolarmente preoccupato, il ministro della Saluta Speranza esorta ad ascoltare il parere degli scienziati e a non sottovalutare la situazione.

Secondo gli esperti, in effetti, la diffusione del Coronavirus a livello globale potrebbe continuare anche per diverse settimane. “Perché il sistema sanitario non sia travolto– ha sostenuto Speranza- bisogna aumentare i letti negli ospedali“. Inoltre Giuseppe Conte ha confermato la necessità di sforare il decifit, così da poter portare avanti il potenziamento degli ospedali, scongiurando il collasso del sistema sanitario. Lo sforamento del decifit permetterà, tra l’altro, di sostenere l’economia delle regioni e dei settori professionali particolarmente danneggiati dall’emergenza.

Coronavirus, possibile slittamento del taglio dei parlamentare

Sebbene la decisione non sia stata ancora presa, anche il referendum per il taglio dei parlamentari potrebbe subire un rinvio. L’ipotesi di uno slittamento, infatti, diventa sempre più palpabile, arrivando a immaginare un accorpamento della consultazioni alle elezioni regionali di maggio.

 

Articoli Recenti: LiveUnict

A Catania si consegnano pacchi spesa: 2000 le domande inviate

A Catania si consegnano pacchi spesa: 2000 le domande inviate

Quasi 2.000 domande per i pacchi spesa destinati a coloro che si trovano in difficoltà durante l’emergenza sanitaria; la metà già consegnati.

Coronavirus, buone notizie dal Cannizzaro: altri 4 dimessi

Coronavirus, buone notizie dal Cannizzaro: altri 4 dimessi

Al Cannizzaro di Catania altri 4 pazienti sono stati dimessi dall’ospedale e 2 estubati nelle ultime 24 ore.

LiveUnipa: LiveUniPA

Coronavirus, Musumeci firma ordinanza: “Quarantena per chi arriva dalle zone rosse”

Coronavirus, Musumeci firma ordinanza: “Quarantena per chi arriva dalle zone rosse”

«Chi sbarca in Sicilia, con qualsiasi mezzo, provenendo dalle zone rosse del Nord, ha il dovere di informare il medico di base e porsi in autoisolamento». Lo impone un’ordinanza firmata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e in fase di notifica ai nove prefetti, ai questori ed ai 390 sindaci dell’Isola. Nella sua ordinanza, il governatore […]

Classifica ARWU, Unipa in crisi: per la prima volta oltre il 600° posto

Classifica ARWU, Unipa in crisi: per la prima volta oltre il 600° posto

Palermo registra un calo e scende oltre il 600° posto nella classifica delle migliori università del mondo.

Connettiti!