Università di Bari

Università, muore di tumore a 26 anni: nella bara la pergamena della laurea tanto sognata 

Aveva sostenuto il suo ultimo esame prima della laurea in ospedale. Il sogno della laurea sembrava sempre più vicino, ma la morte lo ha colto prima di poter tenere immano quella tanto desiderata pergamena. 

I docenti sono andati ad interrogarlo in ospedale per dargli la possibilità di superare il suo ultimo esame prima della laurea. Questo uno degli eventi più significativi della vita di Domenico Palmisano, un giovane studente di ingegneria informatica stroncato da un tumore. Seppure sapesse benissimo che non gli restava molto tempo, Domenico, con tanta tenacia, ha continuato a studiare per arrivare a quel traguardo che lui considerava fondamentale. Il giovane, purtroppo, non è arrivato a festeggiare la sua laurea: è morto prima, a soli 26 anni.

Per via della malattia, Domenico aveva trascorso gli ultimi anni tra l’ospedale Santissima Annunziata e il Moscati di Taranto. La situazione, tuttavia, non l’ha scoraggiato e ha continuato a lottare per arrivare alla tanta agognata laurea. L’associazione Volontari ospedalieri ha aiutato il giovane cercando di accorciare i tempi, per far sì che Domenico potesse provare l’emozione di stringere la sua pergamena di laurea tra le mani. Ma è arrivata troppo tardi: il giovane ormai non c’era più. Amici e parenti allora hanno deciso di mettere la pergamena nella bara, affianco al suo corpo.

Ha preso parte ai funerali anche il rettore del Politecnico di Bari, Eugenio Di Sciascio, che ha manifestato tutta la sua vicinanza all’ente dove Domenico ha conseguito la laurea. Il rettore ha anche manifestato le sue scuse per il fatto che gli uffici non sono riusciti a rilasciare la pergamena in tempo. Al termine della funzione religiosa, il feretro è stato salutato da tanti palloncini bianchi e neri liberati in cielo. Domenico, infatti, era molto tifoso della Juventus e il suo sogno era quello di conoscere Cristiano Ronaldo.

Articoli Recenti: LiveUnict

Coronavirus, il Viminale chiarisce: “Sì a camminata genitore-figlio, ma vicino casa”

Coronavirus, il Viminale chiarisce: “Sì a camminata genitore-figlio, ma vicino casa”

Il Viminale ha confermato la possibilità per un genitore di fare una passeggiata con il figlio, ma con le dovute precisazioni.

Coronavirus in Sicilia, a Catania superati i 450 casi: i dati per provincia

Coronavirus in Sicilia, a Catania superati i 450 casi: i dati per provincia

Covid-19 in Sicilia: i dati relativi all’andamento del contagio nell’Isola aggiornati alla giornata di oggi, martedì 31 marzo, così come comunicati dalla Regione Siciliana.

Covid-19 in Italia, ancora 837 decessi: i dati odierni della Protezione Civile

Covid-19 in Italia, ancora 837 decessi: i dati odierni della Protezione Civile

Covid-19 in Italia: il numero di nuovi casi positivi nella conferenza stampa delle 18 della Protezione Civile.

Coronavirus, a Catania pacchi spesa per le famiglie in difficoltà: ecco come richiederli

Coronavirus, a Catania pacchi spesa per le famiglie in difficoltà: ecco come richiederli

Il Comune di Catania ha pubblicato sul suo sito il bando per la richiesta dei pacchi spesa per le famiglie in difficoltà.

Covid-19 in Sicilia, salgono ancora i contagi: i dati della Regione

Covid-19 in Sicilia, salgono ancora i contagi: i dati della Regione

Covid-19 in Sicilia: l’aggiornamento nel bollettino quotidiano della Regione per la giornata di oggi, martedì 31 marzo.

Connettiti!
Leggi articolo precedente:
Scuola, test antidroga per gli studenti: la proposta che sta facendo discutere

La proposta del test, effettuato a sorpresa sugli studenti delle scuole superiori venete, fa discutere ma avrebbe costi contenuti e...

Chiudi